PDA

Visualizza la versione completa : L'importanza della conoscenza della lingua inglese



Valerio
13th October 2009, 07:44
Sarebbe interessante stimare quanto conta la conoscenza di questa lingua

Frastuono
17th November 2009, 23:27
in italia sicuramente poco, me in australia e essenziale

Valerio
15th January 2010, 13:23
Puoi cortesemente ... :
1) un nuovo topic con questo argomento.
2) scrivere in un corretto italiano
3) porre la domanda in maniera leggibile e logica.

Senno' non capiamo bene cosa intendi.

Ilaria Ram
3rd November 2010, 23:35
per lavorare in paesi in cui si parla inglese è sicuramente fondamentale. Ritengo però che anche in Italia, per la maggior parte dei lavori sia importantissima. La mia opinione è l'opinione di un futuro ingegnere: senza l'inglese non si va molto lontano.

noel83
11th October 2011, 22:06
Per il lavoro che faccio in Italia l'inglese non mi serve a molto, anzi.... (strano ma vero)

ma lo sto studiando perchè ovviamente in Australia se non so l'inglese mi attacco e tiro forte....-.-

bobsburger
12th October 2011, 04:24
in australia non solo è fondamentale ma devi pure cercare di toglierti l'accento..

io di certo non parlo perfettamente ma all'ielts ho strappato un 8.5, e un po di accento ce l'ho.. l'altro giorno a un colloquio telefonico (ok, ero un po distratto) la tipa mi fa 'ehh ma sento un accento italiano'
risposta (tanto avevo capito che il lavoro non me lo dava): 'guarda in australia ci sono 22 milioni di persone, uno su quattro non è un native speaker, dubito che un accento sia un problema per questo lavoro'

Baboden
24th October 2011, 20:05
10... Fondamentale, non dico che ti apre tutte le porte per poter essere un perfetto cittadino del mondo, ma una bella spinta la dà di sicuro!

Isabel Ve
17th April 2012, 00:35
Io ho votato 10 perché appunto secondo me è estremamente essenziale

Sabrina Elettra
28th August 2012, 14:11
Secondo me 9, è essenziale un'ottima conoscenza ma poi servono spirito d'adattamento,intraprendenza e flessibilità mentale...

giutor
5th December 2013, 01:00
8 e mezzo. Il resto lo potrebbe fare la nostra naturale propensione nell'adoperare la fantasia e la creatività