PDA

Visualizza la versione completa : Cosa vi spinge ad andare via dal'Italia?



Valerio
29th December 2011, 02:44
In questo sondaggio sono curioso di sapere cosa vi spinge a lasciare il vostro paese.

manuelwild
29th December 2011, 03:30
Voglia di avventura verso nuove sfide!!

Ma anche gli altri sono tutti validi motivi purtroppo per l'Italia.. oltre al "garantire un futuro ai figli"

gevelyn
29th December 2011, 03:37
voglia di avventura..ma come manuel anche io penso che siano tutti validissimi motivi per andarsene!! il mondo è tanto grande, perchè non cercare di vederlo tutto, o almeno quello che vogliamo e riusciamo???

manuelwild
29th December 2011, 03:47
eeesattooo!! una vita sola non basterebbe neanche per visitarlo tutto!!
giusto oggi parlavo con la mia "mamma aupair" che condivideva con me la voglia di visitare ogni singola nazione della Terra!

Garnett
29th December 2011, 09:31
io ho messo il costo della vita, ma gli altri sono TUTTI motivi validi purtroppo....aggiungi anche che i giovani come me la pensione se la scordano....

saradml
29th December 2011, 13:46
ciao a tutti :) io decisamente la corruzione....il male di tutti i mali!!! purtroppo mi piacciono le regole :P
buona giornata a tutti!!!

arianuova
29th December 2011, 16:30
Sono tutti validi motivi, per me, che non sono piu' un giovanotto, e' lo sgomento che provo verso cio' che e' diventato il nostro paese, o forse dovrei dire verso cio' che non e' mai diventato. Un articolo di pochi giorni fa su l'espresso riportava che ogni anno circa 50-60.000 italiani emigrano verso l'Australia. Non c'e' che dire, un motivo d'orgoglio per la casta se dal 1945 ad oggi l'italia continua ad essere un paese povero e di emigranti.

bobsburger
29th December 2011, 18:25
Arianuova,
In realtà su tutti i visti permanenti che vengono concessi ogni anno in australia, gli italiani in totale sono circa 8-900 , per cui una sparuta minoranza riesce a rimanere, tutti gli altri tornano a casa dopo qualche tempo.
Quel dato inoltre tiene conto anche dei turisti?

Comunque il discorso non cambia.. È triste vedere la gente partire perchè non vede un futuro..

arianuova
29th December 2011, 18:44
Si Max il senso del mio post e' proprio quello, un paese che fa scappare i propri figli..... anche quelli che, come me, pur avendo una attivita' che funziona in italia, raggiungono picchi di sgomento tali, per cui decidono che e' basta.

noel83
30th December 2011, 02:00
io direi sia situazione economica che politica.. se parto spero di non dover tornare

bruschetta
8th January 2012, 21:13
non esiste la risposta "LA SITUAZIONE!" vergogna!!

Andreas & Enrica
9th January 2012, 10:38
condivido tutti i Vs post... io aggiungerei Scappo per le leggi!!!! Si infatti in Italia nessuno le rispetta :)

Simone1978
13th January 2012, 23:11
Non posso far altro che ribadire tutto quello detto fin'ora dagli altri, ho messo come scelta la situazione politica ma le avrei messe tutte. Anche perché a parte l'avventura e lo studio all'estero, il resto potrebbe essere risolto facilmente ed in breve tempo con gente seria al governo.

Manuel1979
26th January 2012, 23:35
Direi soprattutto perché questo e' "un Paese per vecchi" vecchio dentro, nelle leggi, nelle istituzioni e nella mentalità. Il resto sono conseguenze di questo vecchiume. "la vita e' come un libro e chi non viaggia ne legge una sola pagina" S. Agostino.

Blazkowincz
1st February 2012, 14:12
Io ho votato "situazione lavorativa (disoccupazione)" ma con scelta multipla avrei selezionato anche:

* "La situazione economica (Costo della vita)" costa tutto caro, se la cava solo chi può usufruire di sconti (commercianti, operatori dell'indotto, politici)
* "La situazione politica" uno schifo, praticamente non c'è un partito che mi rappresenti. Parlamento di corrotti, mafiosi, ipocriti, opportunisti e razzisti; governo di banchieri e lobbisti.
* "Inquinamento e sanità" basta andare sulla Wikipedia alla pagina Inquinamento ambientale per vedere una bella fotografia dell'Italia del Nord sorvolata da una nuvola di PM10, PM12, CO2, SO2 e altre schifezze. Aggiungo che dalle mie parti stanno mangiando gli ultimi ettari di verde... poi sarà tutto grigio.
* "Corruzione - Media controllati e non liberi" come il punto 2: uno schifo.

Inoltre io ho la sfortuna di non conoscere nessuno qui in Italia, sono single e quindi non ho nulla da perdere.

Deuks
13th February 2012, 16:34
Ho votato "costo della vita", ma concordo che tutti sarebbero validi.
La cosa che più mi irrita è che l'Italia ha tutto il potenziale sociale, intellettuale, paesaggistico etc etc per essere la Prima nel mondo.
Tutto sprecato per l'interesse di pochi.. che odio..

Paolo68
17th February 2012, 13:27
Tutti motivi validi. Ma quelli negativi (politica lavoro costo della vita) sono quelli che influenzano e danno più coraggio a cambiamenti così drastici.

salvoemme
22nd February 2012, 13:44
Sono veramente stufo, amareggiato, incazzato sia con l'Italia che con molti Italiani!!!
Tra i motivi credo che manchi la mancanza di senso civico da parte della maggior parte della popolazione.
Mi chiedo perchè devo farmi 10 ore di pronto soccorso in 2 giorni con 3 diagnosi diverse?
Perchè il medico curante se stai male non viene a casa a visitarti? (Devi andarci tu! Ma se sto male?)
Mi chiedo perchè ti fissano una visita neurologica per poi perdere 4 ore e dirti deve fare le seguenti visite e poi tornare da lei? (forse pensavano ad una frattura scomposta?)
Sono Siciliano e mi sono trasferito a Milano dal Gennaio 2009, si c'è differenza tra nord e sud, m a solo a livello lavorativo, lo schifo che vedevo giù l'ho trovi anche qui.
Hanno vinto loro vado via, ma sono convinto che oltre a tutte le motivazioni della lista (giustissime), il problema sia la sindrome da branco che colpisce molti Italiani.

Billax
25th February 2012, 13:52
Tutte le risposte sono corrette, ho messo voglia di avventura ma se avessi potuto, avrei selezionato anche le altre!
Se si hanno cuore avventuroso e balle piene, la fuga da questo paese diventa inevitabile! peccato però, l'Italia, fisicamente parlando, rimane uno dei paesi più belli del mondo, peccato che i potenti la stuprino così....

Leo73
29th February 2012, 18:33
E' vero che è triste ed anche (forse) sbagliato andarsene e/o volersene andare dall'Italia solo per la situazione generale (mancanza di servizi, disoccupazione, corruzione, italian style....vabbè ma tanto conosco a tizio......vabbuò ma chise ne fr...., mancanza di senso civico.........devo continuare?) ma questo forse è il pretesto per poter apprezzare poi il senso di avventura, il senso di scoperta di nuovi siti, il senso di conoscere gente nuova e diversa (per stile di vita), il senso di soddisfazione per essere ripagati di una vita che qui ci sta dando, o ci ha dato, troppo poco o niente.

milena
29th March 2012, 16:58
Monti months...... that's my reason

Michele Ferrucci
30th March 2012, 12:34
Io ho scelto la situazione lavorativa...
ma più che di disoccupazione, nel mio caso parlerei di precariato.

In realtà l'idea mi è venuta più o meno quando è nato mio figlio... un anno e mezzo fa...
e non credo sia un caso!

Che sondaggio triste.

ivanescente
13th April 2012, 12:43
per me assolutamente voglia di nuove avventure...in questa motivazione c'è tutto...voglia di non accontentarsi mai cercando di migliorare la propria condizione con nuove sfide... :):)

lord_ts
14th April 2012, 12:06
Sono tutte opzioni plausibili però dentro, io e la mia ragazza, abbiamo voglia di cambiare il nostro modo di vivere e pensare.

Isabel Ve
15th April 2012, 10:25
Io ho votato La situazione lavorativa anche se vorrei andare in Australia per un fatto sia di istruzione che di nuova avventura :)

iGanz
15th April 2012, 17:45
Sono veramente stufo, amareggiato, incazzato sia con l'Italia che con molti Italiani!!!
immagina di arrivare in Au e scoprire che molti di questi italiani continuano a fare gli italiani, ragionare da italiani.....e a rovinare la reputazione di tanti italiani che invece in Au ci sono per voler restare e dare un contributo...

salvoemme
15th April 2012, 18:22
@iGanz

immagino immagino si sentono i più furbi ed i soliti ne pagano le conseguenze!!

Lucidelmar
23rd April 2012, 14:12
Non voglio andar via dall'italia, bensì dagl'italiani!!
Mi spiego:
In tutti questi anni ho avuto modo di conoscere tante culture e visitare oltre modo tanti paesi!
La mia domanda è questa: perchè siamo il po

Lucidelmar
23rd April 2012, 14:14
Popolo piu disordinato, sporco(in tutti i sensi) nervoso e inefficiente ?

aroon
24th April 2012, 11:36
Perche' non siamo un popolo ! Siamo una massa di persone appartenente a diverse culture, etnie, minoranze e idee che e' stata unita sotto una sola bandiera e italianizzata a dovere. L'Italia e' uno stato relativamente giovane, con poca esperienza che ancora non ha capito cosa vuole fare da grande...nel frattempo che loro (i politici) ci pesano noi ne paghiamo le conseguenze ! Per quanto mi riguarda penso che siamo cosi disordinati,sporchi e inefficienti perche' tutti se ne fregano di tutto, io vedo spesso piccoli atti di incivilta' e quando li segnalo o li faccio notare vengo trattato a malo modo,tutti pensano che possono fare qualsiasi cosa e che se anche sono in errore nessuno ha il diritto di rimproverarli...piccoli esempi di vita quotidiana ,camminando per le vie del centro noti una coppia a spasso con il cane, il cane fai i bisognini per strada e la ragazza facendo finta di niente dice al ragazzo :" non go mai tira su la m**da de nessun, non comincero' adesso con quella del mio can..." e passano avanti, dopo pochi metri li fermo e gli chiedo se non si sono dimenticati qualcosa per strada ed il ragazzo di tutta risposta :"fate i c*zi tui,cosa te zerchi longhi?! " (traduzione, fatti gli affari tuoi, cerchi dei problemi...:-) .Che dire a persone del genere, che non erano dei disperati ma 2 ragazzi cosidetti perbene, vestiti bene,abiti di marca e tutto il resto...Altro esempio, nell'unica ciclabile della mia citta' , vado spesso a correre o in bici, rispettando ovviamente i sensi di marcia e le corsia,per altro ben segnalate con con segnaletica verticale e orrizzontale, ma non c'e' verso, le persone che l'utilizzano se ne fregano totalmente che altre persone vorrebbero transitare per piacere o allenamento lunga questa strada,si fermano in mezzo alla strada a chiacchierare, liberano i cani, camminano in gruppo occupando tutte la carreggiata,e se provi a dire qualcosa ti mandano a quel paese !!! Risposte tipiche " mi fazo quel che voio" o " la strada xe de tutti" il top dei top un signore anziano un giorno mi risponde "la senti giovinotto,mi son nato prima de lei e go piu' diritti,se voio star i mezzo alla strada posso farlo..." questo e' l'atteggiamento...!
Io penso che gran parte di questi problemi nascono dal fatto che in Italia non ci si senta a casa, le cose comuni non fanno parte del patrimonio delle persone ma sono solo cose da utilizzare e sfruttare fino che si puo' (qua da noi si dice "roba del comun, roba de nissun...) ,non c'e' senso civico, se vedi qualcuno fare qualcosa che non va ti giri dall'altra parte,non ci sono regole del quieto vivere civile, tutti gia' quando sei in fila al supermercato,in posta o in farmacia cercano di fregarti e di passarti davanti...siamo come animali!E quando poi vado all'estero , gia' a 5 minuti da casa certe cose non si vedono (in Slovenija) per non parlare dell'Austria...ti vergogni solo quando qualche altro "italiano" si comporta da "italiano" in questi altri paesi...questa e' la realta', alla fin fine siamo tutti in po' colpevoli.


Popolo piu disordinato, sporco(in tutti i sensi) nervoso e inefficiente ?

Lucidelmar
24th April 2012, 15:12
Amen , non ho parole da aggiungere

Lucidelmar
24th April 2012, 15:16
Ed io che pensavo che su al nord fosse un po' meglio....che tristezza, beh almeno voi le avete le piste ciclabili, da noi le hanno disegnate sui marciapiedi

aroon
24th April 2012, 16:01
...una ciclabile abbiamo, che fortuna vuole passa a 20 metri da casa mia e ti porta fino sul Carso...l'unica cosa utile che hanno pensato in non so quanti anni!Divertente che fai 10km e passi il confine con la Slovenija trovi subito il segnale della ciclabile!

grobelar76
1st May 2012, 18:21
come tutti gli altri mi associo nel dire che tutti i motivi su citati sono validi, in Italia si stanno distruggendo gli stimoli e l'intelligenza di chi vuole costruire e vivere una vita serena fatta di conoscenze, esperienze, studi, lavoro, famiglia, svaghi ecc. .........

manuelwild
2nd May 2012, 05:51
già, ma i più furbi/vogliosi/determinati vanno a farseli all'estero

ventax84
3rd May 2012, 00:53
Per me l'Australia è un simbolo di libertà, di avventura e terra di grandi opportunità

dave...
6th May 2012, 02:19
Le opzioni sono tutte condivisibili, oramai il senso di frustrazione che ci attanaglia per via di un paese irriconoscente (a causa di una politica composta da inetti) ha raggiunto livelli insopportabili per la dignità di ogni persona cosciente. Un carico fiscale su imprese e lavoratori dipendenti insostenibile, una burocrazia da far vergogna, la meritocrazia, totalmente sconosciuta in ogni ambito lavorativo, gli esempi sono molteplici...

iGanz
6th May 2012, 03:52
(a causa di una politica composta da inetti)
non approfittiamo del paravento "politica" per giustificare il declino italiano.
i politici sono pur sempre persone. e pur sempre italiani. e vengono eletti da persone italiane. e la storia alle elezioni è sempre la stessa. "io non vado a votare" oppure "bisognerebbe cacciarli tutti". però nessuno mai muove un dito. nessuno prende parte o si scandalizza per nulla.
siamo noi italiani che ormai siamo svogliati e anestetizzati.
quanti giovani leggono i quotidiani invece di sfrantumarsi il cervello di fronte ad "amici" o al "grande fratello"??
quanti partecipano attivamente alla vita politica del paese, interessandosi di quello che combinano i politici???
quanti italiani (dunque non politici) contribuiscono alla salute del paese evitando di evadere fiscalmente???
quanti italiani non cercano amicizie o favori???
quanti italiani fanno la fila correttamente senza sopravanzare quello che ci sta davanti???
quanti italiani non gettano le sigarette dal finestrino dell'auto???
quanti italiani rispettano la bellezza (arte, storia, paesaggi) rara, unica, irripetibile che ci circonda???
quanti italiani arrivano in Australia col concetto "dimo famo spaccamo" e vogliono lavorare col visto turistico oppure senza sapere una parola di inglese???

dave...
6th May 2012, 16:38
Personalmente non faccio di tutta un erba un fascio, fortunatamente stanno venendo fuori dei giovani che hanno voglia di impegnarsi in politica, ma il processo sarà un bel po lunghetto, di certo alle prossime elezioni non ci ritroveremo un PM quarantenne tipo Cameron per gli Inglesi o l'avversario Milliband. Per impegnarsi in politica credo siano necessarie delle attitudini, a cominciare dal livello d'istruzione e soprattutto morale. Certamente non ho mai rinunciato al mio diritto di voto e alla luce di ciò che sta accadendo penso di aver sempre sbagliato a chi affidare il mio voto, poi quando senti di tutti questi mala affari viene il voltastomaco, e si sa che tutto non è nato da ieri, la storia è lunga, poi quando senti di parlamentari inquisiti o indagati che non rinunciano alla poltrona perché hanno da pagarsi il mutuo di casa... e purtroppo questi atteggiamenti danneggiano l'immagine dell'Italia oltre ad altri comportamenti non del tutto corretti come è stato scritto precedentemente, potrei raccontare delle scene a cui ho assistito all'estero, da farsi delle risate amare... have good day.

aroon
10th May 2012, 00:30
Ciao Dave...tutto giusto ma purtroppo in Italia non basta che qualcuno venga fuori e si impegni a fare politica, non e' neanche questione di tempo, e' solo questione di mentalita'. Che l'Italia sia un paese di furbetti e risaputo,evidentemente e' nel DNA delle persone e ciclicamente i problemi si ripresentano. Ogni decennio degli ultimi 50 anni ci sono stati scandali, arresti, mafia, massoneria tra politici,imprenditori,chiesa,magistratura e chissa' che altro ancora ma ogni volta si fa una pulizia parziale, si prende qualche pescetto e lo si butta per qualche mese in gabbia e poi di nuovo tutto come prima. Io onestamente di rifondazioni,di giovani di buone propositi in politica non ne vedo, la nuova classe politica qua dalla mie parti sembra essere gli ultimi della classe che fino a 30 anni non hanno fatto niente,ne lavorato ne studiato e hanno trovato nella politica un modo come un'altro per sbarcare il lunario,questo ci fa tornare al problema di prima che per ottenere qualcosa in piu' lo vedi anche tu dai telegiornali cosa son disposti a fare. Qualcuno forse si salva, ma onestamente se l'albero e' marcio puoi continuare a tagliare i rami ma prima o dopo dovrai tagliare anche il tronco! L'unica cosa intelligente che potrebbero fare e' azzerare il sistema stato e ricominciare da 0 ,magari una bella revisione della nostra costituzione approvata con un referendum . Cosa che non faranno mai fino a che avranno possibilita' di avere la poltrona sotto il sederino e grandi forzieri ove attingere sonanti monetine!

steno
16th May 2012, 15:48
ho scelto politici perchè la loro incompetenza porta a situazioni irreversibili, quindi per me andar via è una scelta fatta per il futuro dei miei figli, per me e mia moglie per una vita più serena. Australia è una scelta ponderata vista la qualità di vita e bellezza del territorio, d'accordo che un tale cambiamento comporta dei rischi ma quando si è uniti e decisi.. beh si fa il salto!!! E poi dove si può trovare una comunity cosi bella! buona girnata a tutti e speriamo di trovarci in quella piazza a Perth a bere una birra come hanno fatto alcuni di noi!! ciao

Dave28
17th May 2012, 12:25
Concordo con tutti, anche se io dall'Italia me ne sono andato tre anni fa, vivo a Mallorca. Io sogno l'Australia per me e la mia familia perche' credo che l'Europa sia finita da un pezzo.....auguro a me e a tutti voi di riuscire nei rispettivi progetti.

Pagio
25th May 2012, 18:42
Onestamente io non sono del tutto d'accordo con la piega che ha preso questa discussione.
Condivido che probabilmente (e purtroppo), negli utlimi 30 anni abbiamo dato il peggio che potevano dare: in media siamo diventati intelletualmente più pigri e apatici, e questo ha permesso alla classe dirigente che ci ha condotto di sommergerci di debiti lasciandoci in mano poco più di un mucchio di mosche.
L'Italia stà vivendo una situazione critica, e sono d'accordo nel pensare che la crisi economica è anche figlia anche della crisi culturale e di malcostume che stiamo attraversando, e certamente non posso condividere la piega che abbiamo preso.
Però, posso anche tranquillamente affermare che nonostante tutti gli stereotipi che ci accompagnano all'estero, qui in Australia gli Italiani sono visti come gran lavoratori, per esempio chi è emigrato 40 anni fa, ha aiutato letteralmente a costruire questo paese, e benchè non si può nascondere che come cultura ed educazione abbiamo dei difetti, tuttora siamo pur sempre ben considerati rispetto a tanti altri popoli. Credo che anche in altri paesi come Argentina, Brasile e la stessa America pensino la stessa cosa.
E la mafia e la criminalità organizzata sono riusciti a rovinare solo in parte la buona considerazione che ci accompagna.
Sottolineo in parte perchè siamo pur sempre un popolo che nei momenti di difficoltà sà tirare fuori le ***** come pochi altri, siamo caduti tante volte in passato, ma ci siamo sempre rialzati.
I difetti non ce li abbiamo solo noi, in genere tutte le culture si portano a dietro degli stereotipi che magari hanno un sottofondo di verità, ma restano pur sempre stereotipi. Se noi siamo cafoni e maleducati, i francesi sono arroganti e presuntuosi, gli inglesi e irlandesi sono rissosi, i tedeschi sono quadrati e irragionevoli, e gli spagnoli? perchè loro saprebbero tenere pulito?? ma siete mai entrati in un bagno pubblico in Spagna?? E si può continuare così all'infinito....
La cacca di cane non la lasciano per terra solo in Italia, per esempio anche nel parco dietro casa mia qui a Perth è pieno di "ricordini", per giunta su un campo di footy dove si allenano tutti i giorni dei ragazzi.
E per quanto riguarda l'educazione: gli zotici sono ovunque, anche qui ce ne sono parecchi. O volete convincermi che quando vado a Northbridge la sera, mi stanno dando lezioni di stile?
Per carità, ognuno la può pensare come vuole, però mi sembra un pò poco "obbiettivo" questo sparare sulla croce rossa, ci vuole anche un po di equilibrio, tutto qui.

salvoemme
27th May 2012, 13:47
Sono convinto che la classe politica rispecchia la maggior parte del popolo italiano, perché è il popolo che rende un uomo un politico.
Gli incivili, rissosi etc... ci sono in tutto il mondo, ma qui in Italia c'è gente che si suicida perché non arriva alla fine del mese, gente con una laurea con 110 e Lode che farà il cameriere vita, ragazzi che fanno stage gratis ed alla fine dei sei mesi vengono mandati a casa e rimpiazzati con altri, gente che si trova in un'azienda (con un contratto a tempo indeterminato) con la prospettiva di crescita all'interno dell'azienda pari a zero, gente che ha paura ad avere un bambino o peggio paura di crearsi una famiglia ed etc...
"Ma ancora una volta, a dire la verità, se cercate un colpevole non c'è che da guardarsi allo specchio" (V per Vendetta)

fabio59roma
31st May 2012, 00:31
la mia opinione è semplicemente l'analisi di alcuni dati:
se cercate su wikipedia la voce ITALIA in particolare ECONOMIA troverete:
PIL (http://it.wikipedia.org/wiki/Prodotto_interno_lordo) (PPA (http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_della_parit%C3%A0_dei_poteri_di_acquisto)) 1.921.576 milioni di $ (10º (http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_stati_per_PIL_%28PPA%29))
PIL pro capite (http://it.wikipedia.org/wiki/Reddito_pro_capite) (PPA (http://it.wikipedia.org/wiki/Parit%C3%A0_dei_poteri_di_acquisto)) 29.392 $ (2010) (29º (http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_stati_per_PIL_%28PPA%29_procapite))
ISU (http://it.wikipedia.org/wiki/Indice_di_sviluppo_umano) (2010) 0,854 (23º (http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_Paesi_per_Indice_di_sviluppo_umano)) per chi non lo sa ISU signifivca INDICE SVILUPPO UMANO ( servizi, alfabetizzazione, sanità ecc)

AUSTRALIA


PIL (http://it.wikipedia.org/wiki/Prodotto_interno_lordo) (PPA (http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_della_parit%C3%A0_dei_poteri_di_acquisto))
762 887 milioni di $ (17º (http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_stati_per_PIL_%28PPA%29))


PIL pro capite (http://it.wikipedia.org/wiki/Reddito_pro_capite) (PPA (http://it.wikipedia.org/wiki/Parit%C3%A0_dei_poteri_di_acquisto))
36 225 $ (2007) (14º (http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_stati_per_PIL_%28PPA%29_procapite))


ISU (http://it.wikipedia.org/wiki/Indice_di_sviluppo_umano) (2007)ISU (http://it.wikipedia.org/wiki/Indice_di_sviluppo_umano) (2007) 0,970 (molto alto) (2º (http://it.wikipedia.org/wiki/Lista_di_Paesi_per_Indice_di_sviluppo_umano)


i dati di quest'anno la portano al primo posto ed è sempre tra i primi negli ultimi 5 anni

conclusione l'Italia fa parte del G8 ha un PIL (forse ho qualche dubbio) tra i più alti , ma come disse qualcuno "I SOLDI CI SONO E? CHE SONO SPARTITI MALE!!!"

aroon
31st May 2012, 01:30
...piu' che SPARTITI MALE sono SPARITI BENE...e scusa il gioco di parole!

Markaus
7th June 2012, 16:34
sinceramente tutte le opzioni consigliate da te sono sceglibili, e non mi sento di sceglierne una. sicuramente una persona, se scegli di andarsene, è perché vuole stare meglio, vivere meglio, garantirsi un futuro. Ogni opzione in questo sondaggio non ti garantisce il futuro felice.

quindi se me ne vado dall'italia è per la mia felicità, che in italia non si può trovare

Valerio
8th June 2012, 17:19
lo so, però tra tutte qual'è quella che supera tutte le altre, potendo sceglierne solo ed esclusivamente una... quale sarebbe?

Markaus
8th June 2012, 17:50
ho scelto i politici.. per me sono tutti da buttare al rogo.. non ho mai visto mai una presa per il culo così grande da parte della classe politica. fnano quello che vogliono, mangiano alle nostre spalle e si arricchiscono con i soldi dei poveri operai.

iGanz
9th June 2012, 03:25
Markaus si rischia di essere populisti così però. Capisco quello che dici ed è giusto così in linea teorica... ma poi se vai al dentro della questione non era così pure negli anni '70? eppure le "tute blu" scioperavano seriamente, partecipavano attivamente alla vita politica...
oggi molti operai (e qui non generalizzo, parlo di esperienze che ho vicine... mi raccomando, non è un fare di tutta l'erba un fascio!) hanno l'i-phone e non sanno nemmeno cosa sia l'articolo 41...
i politici italiani sono gli stessi (a meno di qualcuno che ha abbandonato per sopraggiunta vecchiaia o peggio) di 10 o 20 anni fa...
eppure l'esodo di massa è iniziato negli ultimi 5 anni... che poi il boom è da 2-3 anni...
se non c'era 'sta botta della crisi gli italiani continuavano a restare a casa, a parlar male dei politici, e di certo non si mettevano ad andare in Australia...

ma ad ogni modo non era questo il tema su cui volevo intervenire. volevo rispondere a Pagio che ha fatto una riflessione interessante... è vero, gli Italiani all'estero sono considerati come lavoratori eccezionali. E ne sto avendo la riprova qui in Au.

ma ti faccio l'esempio degli Hooligans Inglesi.... dopo i disastri degli anni '80 (Heysel su tutti) le squadre inglesi furono squalificate per anni dalle coppe europee... da allora sono cambiati i regolamenti e le leggi in materia... oggi in Inghilterra se fai invasione di campo ti arrestano (rischi 1 anno di galera) e ti bandiscono a vita dagli stadi... lo stadio inglese è diventato ormai un punto di riferimento sia dal punto di vista sociale che architettonico... non a caso si parla di "stadi all'inglese"...

poi scopri che quando gli inglesi vanno in trasferta negli altri paesi capitano accoltellamenti, risse tra ubriachi etc... basta ricordare lo United a Roma per la gara di Champions, o gli scozzesi del Dundee a Perugia...

come mai?

lo stesso concetto si potrebbe applicare (ma ahimè all'inverso) agli italiani che si trasferiscono, o emigrano. Lasciando da parte mafie, brutte abitudini e stereotipi di cui parlavi, quando vanno all'estero si mettono sotto perché capiscono che in certi posti esiste la meritocrazia (e con essa regole ferree) e chi si impegna viene premiato... ecco perché lavorano (lavoriamo) sodo...

salvoemme
9th June 2012, 12:16
@iGanz

ti chiedi come mai? (Riferito agli Inglesi, ma immagino che lo sai benissimo)
Uno dei tanti esempi potrebbe essere questo http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/06/09/il-processo-diaz-arriva-in-cassazione-ma-il-presidente-cambia-a-sorpresa/257697/
di come viene vista la nostra nazione all'estero, ma non la totalità dei lavoratori che lasciano il bel paese.

Purtroppo qui "La legge NON è uguale per tutti" e le regole vengono rispettate ma interpretate.

La cosa triste è che chi resta e si impegna difficilmente viene premiato o peggio ancora deriso da colleghi e/o capi per il proprio impegno, bè io me ne vado anche per questo!!

Grazie a te e Pagio!!

Daniele Bisinella
13th June 2012, 05:08
Nulla da perdere,solo da guadagnare... Ciao ciao Italia ,ci vedremo forse tra un anno :-)

dolceluna
16th June 2012, 12:28
Non ho niente da perdere....il lavoro qua non mi soddisfa,ho bisogno di un cambiamento drastico nella mia vita...l'Australia e' quel che ci vuole ....

Andy.88
17th June 2012, 17:22
Io ho votato la politica, ormai la situazione è diventata davvero ridicola e la cosa più triste è che gli italiani accettano tutto quello che viene loro imposto senza battere ciglio. Penso che siamo arrivati al punto in cui è necessaria una rivoluzione! Ma la gente subisce tutto in modo passivo "Si tira a campà!" è il motto nazionale italiano! Ed è per questo che me ne vado da questo Paese che affonda!
P.S. Comunque anche tutte le altre ragioni sono più che valide!

bobsburger
18th June 2012, 06:50
Pagio un posto senza cacca di cane o qualche ubriaco che rompe non lo troverai mai in tutto il mondo...
a kalamunda eravamo insieme quando abbiamo trovato il bbq pisciato e il sapone dei piatti che schiumava una fontana intera, ma in italia che avremmo trovato? un bbq spaccato e una fontana spenta piena di lattine di coca cola...

ma è anche comprensibile se parliamo di mirrabooka o della via dei pub a northbridge o di posti del cazz...

o vuoi forse dirmi che northbridge è peggio di via ripamonti a milano ? vedi che dopo un po che stai in australia ti ricordi solo le cose belle ma basta che ti fai un giro virtuale con google street view che l'italia ti sembra BALI, e ho detto tutto :D.
I cani sono tutti cani, ma un barboncino non ha lo stesso carattere di un pastore tedesco, eppure cagano e pisciano entrambi...

Pagio venerdi andiamo a bere anche noi, così ti tiro storto e ti faccio vedere com'è bello fare a bottigliate con gli inglesi, te sei ancora un po troppo fighetta per il ruspante WA :D

L'italia non è che si è rialzata perche siamo stati piu o meno produttivi di altri, l'italia del dopoguerra ha capito che bisognava stampare soldi e questo ci ha permesso di costruire un paese solido, sicuramente migliore di spagna, irlanda, grecia e altri posti simili, ma ora tutto questo è andato, finito, non tornerà mai piu... i soldi 'facili' erano un palliativo che ora non tornerà piu finche l'italia resta nell'euro, restano pero tutti i difetti storici che rendono un posto invivibile..

Per quel che mi riguarda partire via dall'italia vuol dire rinunciare a burocrazia, corruzione e persecuzione mediatica e fisica da parte dello stato verso cittadino.
Qua per ogni appalto pubblico per cui mando l'offerta di appalto ci sono almeno 7-8 imprese agguerritissime che si danno battaglia, in italia le gare d'appalto non si fanno o disegnano il bando in base alle caratteristiche dei propri amichetti per cui a partecipare alle gare ci sono 1 o due imprese...
Quando un city council qua fa una gara d'appalto per una consulenza non producono aria fritta, producono piani per il territorio con sistemi di controllo decisamente accurati e sofisticati... in italia acchiappano centinaia di migliaia di euro e spariscono nel nulla....

dai su non scherziamo l'italia è esattamente la croce rossa sulla quale SI DEVE sparare, tra i paesi di stampo latino siamo probabilmente l'unico paese vivibile ma rispetto a una società moderna e funzionante la nostra è decisamente sottosviluppata e decadente, per di piu influenzata da un cattobuonismo decisamente pietoso e da una moscezza di palle urtante.

OLE' ! :cool:

railgods
19th June 2012, 11:49
Ho votato voglia di nuove sfide, ma se era disponibile il multivoto penso che avrei spuntato la casellina su tutte le voci.

askesis83
8th July 2012, 11:34
Mi accodo a chi dice che le scelte le spunterebbe pure tutte. Io aggiungerei pure che pure il tessuto sociale sta andando a farsi benedire e resta in piedi solamente grazie alle famiglie, che sono costrette a diventare enti di previdenza sociale...

Chi vive "male" poi s'incattivisce e tenta di fare le scarpe al proprio vicino, l'ho notato solo io o in Italia la gente è sempre più maldisposta, malfidata e pronta a farti le scarpe per il classico "tozzo di pane" ?

Macos
13th July 2012, 10:18
un buon motivo? a me basta questo: Squinzi: «Probabile calo del Pil oltre il 2,4%» - Corriere.it (http://www.corriere.it/economia/12_luglio_12/squinzi-confindustria-pil_a9ae57c6-cc07-11e1-b65b-6f476fc4c4c1.shtml)

manuelwild
13th July 2012, 16:27
non so se sia più triste la percentuale del PIL o la sparata della corruzione e che povero lui trova difficoltà in Cina :wonde

Macos
14th July 2012, 18:32
economicamente parlando un pil del -2,4% è tantissimo, e lo stesso valore è stimato per il 2013, per chi come me ha una piccola attività è una mazzata che fa gelare il sangue

bobsburger
24th July 2012, 05:47
se poi consideri che di ripresa non se ne parla nemmeno...

Erica83
25th July 2012, 14:50
Voglia di avventura al primo posto
In mezzo metterei voglia di superare i miei limiti e quelli altrui imposti
Infine irresistibile desiderio dei miei occhi di vedere nuovi orizzonti

Apples
25th July 2012, 21:15
Ho fatto il biglietto per l'Australia, ma se avessi un lavoro ben pagato, una casa di proprietà e la possibilità di 2 vacanze all'estero l'anno, ebbene, avrei ancora un biglietto per l'Australia. Sinceramente non credo che le difficoltà saranno minori lì, in Italia ho una famiglia, amici, conoscenza della lingua e volendo anche il lavoro, sono nato per fortuna in un paese libero ( si assai imperfetto e migliorabile, ma LIBERO) che mi dà l'opportunità di fare come meglio credo e voglio. Non riesco a sputare sul piatto che mi ha dato da mangiare, un background culturale invidiabile e chiarisco che io di patriottico non ho niente, sempre ripudiato il senso della nazione e dei confini, ma non me la sento neanche di sparare a zero sulla fortuna di essere nato a Roma invece che in Corea del Nord o in questo periodo nella dimenticata Damasco. Curiosità questo è il mio motivo.

Maria Concetta
6th August 2012, 23:18
Scegliere una sola risposta tra Tutte quelle elencate è davvero molto riduttivo, perchè tutte quelle ed altre spingono ognuno di noi a cercare di meglio e altrove, e ci vuole davvero poco per star meglio di quanto si stia qui.
E' un'amara verità ma pur sempre vera, peccato per il nostro paese perchè la situazione non sarebbe questa se ci fosse stata una buona organizzazione, ma non è così per cui qualcuno sta prendendo strade diverse per vedersi realizzato o quanto meno ci prova...

Kikka
17th August 2012, 02:39
già, ma i più furbi/vogliosi/determinati vanno a farseli all'estero


Straquoto.........

brubot
22nd August 2012, 21:45
Condivido in pieno anch'io se parto spero di non tornare.

alessio74
30th August 2012, 12:15
..Mi spinge ad andare via dall' italia ci sono tanti motivi....andare all' estero specialmente l'australia dove mi hanno parlato bene..di voltare pagina della vita ricomciare da zero.....

SimonaA
31st August 2012, 18:05
Personalmente condivido tutti i vostri post... Io lo faccio principalmente per assicurare un futuro migliore a mio figlio (sempre se riesco a restare!:))che non voglio far crescere in un paese di raccomandati, in cui, anche se vali qualcosa, devi conoscere per emergere. Mi dispiace dover lasciare casa mia e so che in Australia la vita non è tutta rose e fiori. Ma preferisco sacrificarmi un po' per ottenere qualcosa di concreto che restare qui, sacrificarmi e restare sempre allo stesso punto!

brubot
31st August 2012, 20:00
Anche per me i motivi sono tanti: sfiducia per una classe politica corrotta e avida solo di danaro quindi sfiducia nelle istituzioni;
quale futuro per i miei 3 figli in un paese che ormai è in alto mare?
dell'australia ne sento parlare bene e la cosa quindi mi tenta, ovviamente prima di decidere ci voglio pensare molto bene. Conto anche sul vostro aiuto grazie.

Aury Casali
3rd September 2012, 20:25
ciao a tutti , e triste a dire in Italia nn hai più un futuro ma e la verità ......

Bilokf
14th September 2012, 18:50
Concordo con tutti, e vedo che le idee sono molto simili, come altri spero di trovare giustizia che orma in Italia non vedo più ed iniziare una nuova vita...

Andrea Fontana
18th September 2012, 19:32
Penso che l'Europa si sta avviando verso un nuovo momento difficile come quello attraversato 50 anni fa

Andrea Fontana
1st October 2012, 14:40
Scusate, volevo dire 70 anni fa!

aliceandrosoni
27th October 2012, 20:05
secondo me sono più o meno tutti validi motivi per lasciare l'Italia, il che è vergognoso dal mio punto di vista. Andrei all'estero a studiare perchè l'istruzione, a meno che le cose non cambino, andrà sempre peggiorando e in ogni caso dopo esserti laureato che fai? niente perchè qui di lavoro ce n'è ben poco. IL governo? no comment. I politi le leggi se le fanno per loro, a noi poveri cittadini resta solo il soccombere alle loro decisioni. é vero che le vita è fatta di compromessi, ma a questo io non ci sto; io non voglio vivere in un paese dettato dalla "legge" della corruzione..

ruxel
29th October 2012, 16:48
Che bel sondaggio!!!! Premetto sono da poco laureato e in cerca di un lavoro stabile il quale mi dovrebbe garantire una entrata econonica sufficiente per vivere da solo, ma a distanza di molti mesi (esattamente 7 mesi) all'orizzonte non si vede ancora nulla, anzi andando avanti e viaggiando a destra e a manca a fare colloqui noto che c'è solo un tipo di figura ricercata nel mondo del lavoro il precario e nessuno vuole investire sulle persone serie in cerca di lavoro. Questa situazione mi demoralizza e mi fa pensare a come sarebbe da un'altra parte, a cosa riuscirei a fare e quali opportunità avrei etc.... Vorrei aggiungere che non mi sento un choosy come ha detto qualcuno in queste settimane perchè il week end lavoro come cameriere facendo dalle 17:30 alla chiusura, durante la settimana sono andato e vado a tagliare legna dalle 8:30 alle 19:00 e il resto del tempo lo dedico alle mie passioni. Oltre alla situazione economica non bisogna dimenticare il contesto politico (credo di aver già detto tutto). Come cantava un grande cantautore Giorgio Gaber "io non mi sento italiano!". Infine inviterei tutti gli italiani (che fanno parte di quel gruppo di persone denominati italiani e che non sono il popolo italiani) a vivere di sostanza e non di apparenza e falsi miti.

speedcore
2nd November 2012, 03:51
Sondaggio molto interessante! Allora i motivi per cui andrei (e quasi certamente andrò) via dall'Italia sono decine ma cerco di metterli in ordine. Prima di tutto l'attuale situazione dell'assetto politico-economico dell'Italia che è in costante peggioramento, a quanto pare i normali e onesti cittadini non contano più niente. Poi la situazione lavorativa, trovare un lavoro è diventato difficile, trovarlo decente è diventato un miraggio, trovarlo per meritocrazia e ben pagato per un neolaureato è pura utopia. L'impossibilità di potersi permettere di andare a vivere per conto proprio... ho 25 anni e prima di poter diventare economicamente indipendente di questo passo ne passeranno altri 25 minimo. La corruzione e conseguente pessima gestione da parte dello stato dei servizi, dalla sanità alla raccolta dei rifiuti. Alcune delle nostre ridicole leggi... qua potrei aprire un caso a parte ma mi limito a fare un paio di esempi: perchè se uno mi entra in casa per rapinarmi non gli posso rompere un bastone in testa senza ricadere in eccesso di difesa e andare io in galera al posto suo? Perchè devo accogliere e mantenere nel mio paese gente che entra e poi non lavora, gente che non ha un minimo rispetto per le leggi e la cultura del mio paese, gente che spesso e volentieri viene esclusivamente per delinquere? La pessima gestione della città: i buchi nell'asfalto, il sindaco che fa togliere le centraline di rilevamento per l'inquinamento nei quartieri più inquinati; il sindaco a conoscenza del fatto che "certa gente" brucia i cavi di rame tagliati dalla rete ferroviaria per fondere il rame e rivenderselo, creando così nubi tossiche, ma se ne sbatte altamente; il comune che per fare cassa cerca di fregare i cittadini con trucchetti subdoli, la pulizia delle strade quasi inesistente, i servizi comunali totalmente inefficienti... eccetera, eccetera. L'università male organizzata per cui paghi un botto di tasse e fai un sacco di sacrifici per renderti conto alla fine che professionalmente non vali niente. La burocrazia infinita per fare qualsiasi cosa. Il clima di m***a (questo però è a gusto personale) che c'è nella mia città, estati roventi e afose, inverni gelidi e spesso ampiamente sotto lo zero. La gente demente che si venderebbe la madre per comprarsi un iphone 5 perchè fa figo ma poi va in giro facendo la morta di fame... La generale usanza tutta italiana che le regole sono fatte per decorare i cartelli... voglio dire non posso scrivere 18 pagine di post, ma già solo così direi di averne elencati abbastanza. Più sintetico? Ok. Vivo in un paese che mi fa schifo! Quindi caro Valerio, io le opzioni del sondaggio le scelgo tutte contemporaneamente:D

Andy.88
2nd November 2012, 05:59
Allora ti dico solo che io sono scappato dall'Italia perchè per quanto mi riguarda quella che avevo li non era vita, mi faceva veramente schifo tutta la situazione generale, per non parlare delle persone che di qualunque cosa parli ne sanno sempre più di te! Sono tutti dottori in Italia! È una mentalità che ci porteremo avanti ancora per non so quanti secoli! Quindi ti dico che condivido in pieno tutto quello che hai scritto, soprattutto la faccenda Dell' iPhone che dire ridicola è poco! È bello avere un telefono da 800 E quando ne prendi 700 di stipendio??! Comunque ti assicuro che qui in AU la situazione è diversa! La gente spende ma perché lo può fare! È cosa che di più amo di questa gente è la mentalità! È tutto molto easy qua e a nessuno frega di stare a sparlare della gente, puoi anche andare in giro per strada senza scarpe e nessuno ti dirà mai niente! I servizi funzionano e ti assicuro che ti innamorerai di questo posto! Condivido in pieno tutto e ne avrei anch'io ancora tante da dire sulla nostra "bella Italia"! Sono stracontento di aver lasciato quel posto di pazzi! 2 settimane all'anno come turista saranno più che sufficienti!

speedcore
2nd November 2012, 13:53
Presumo tu abbia il visto permanente! Che fortuna immensa! Io dovrò pazientare ancora un bel po' di mesi prima di partire, ma una volta laureato nulla potrà più trattenermi qua. Un mio amico, stanco anche lui di questo posto, verrà con me ma partirei anche da solo pur di cambiare vita.

lucagoesoz?
3rd November 2012, 15:02
quoto ogni singola lettera dei post di speedcore e andy88

quasi laureato.. confermo : paghi tanto e non hai niente di concreto .... mi chiedo perchè esistono ancora le uni in italia sinceramente (al di la del fatto che comunque la cultura è essenziale ) .. però ti fai un culo senza certezze e quasi sicuramente rimani a piedi ..
il punto di partenza è la mentalità della gente comunque .. piangono , ma tutti con l'iphone , e guai a toccare ferie e viaggi ..

manuelwild
3rd November 2012, 16:58
Luca hai dimenticato il calcio.. la gente scende in piazza per quello e per la fila all'Apple Store, come giustamente detto.

lucagoesoz?
4th November 2012, 15:08
esatto , per me è sufficiente vedere una partita ogni tanto della juve (tipo quella di ieri sera grr :) ) , però una volta che è finita basta! gente che continua a parlare di calcio o sta in casa la domenica tutto il pomeriggio davanti a sky anzichè uscire a me fa pena sinceramente.. comunque molto peggio la questione iphone .. fosse solo il calcio il problema , ma magari =)

Amina
9th December 2012, 02:44
Tutto é un motivo valido per lasciare l'Italia dal lavoro a tuttttttoooooooo purtroppo ........... È l'australia oltre ad offrire molto per chi è in gamba e desideroso di fare qualcosa nella vita è un paese bello e solare come le persone che ci vivono gente viva e come mi ha detto papá solarissimi e disponibili .....

Mary Milanesi
9th December 2012, 17:37
si vero....nessuno rispetta le leggi,ma chi va con lo zoppo ,impara a zoppicare

Petrus
15th December 2012, 16:37
Perché lasciare l'Italia?
Semplice: ho sempre seguito le istruzioni del "sistema". Ho sempre fatto il bravo, hostudiato, ho cercato e trovato un buon lavoro e sudato un buono stipendio.
La mia compagna idem.
Arrivati a 40 anni ci siamo resi conto che il frutto di tutti questi sforzi ci consente di pagare il mutuo per un buco di casa e sopravvivere facendo i criceti nella ruota e stop. Questo con un reddito che molti qui in Italia firmerebbero per avere.

Prospettive di crescita ZERO.
Tempo libero per vivere invece di sopravvivere ZERO.
Sogni da poter inseguire con la prospettiva di realizzarli ZERO.

Con un minimo di analisi statistica del costo della vita, comparato ai livelli retributivi, ne esce che in Australia questo stesso tenore di vita lo posso ottenere solo con uno dei nostri due attuali lavori, e con la paga più bassa che sin'ora ho trovato nei vari annunci.
Questo significa che se anche uno solo tra me e la mia compagna, che siamo un progettista meccanico ed una architetta, riesce a trovare lavoro, siamo a cavallo. Se dovessimo trovarlo entrambi, con la fatica che qui ci consente di essere CRICETI NELLA RUOTA, in Australia c'è l'opportunità di trovare il bene più prezioso, la SERENITA'.

Per questo, senza rimpianti, mi appresto a lasciare questo posto.

FraScuba
3rd January 2013, 16:34
L'indecisione nello scegliere una risposta più adatta è stata difficile. Ho messo "voglia di avventura".. Ma la definirei più una voglia di cambiamento, di serenità, di una situazione più consona al mio "stile di vita". Poi certo, l'avventura che possiamo vivere in Australia è di un'esaltante assurdo. Ma anche l'Italia, non dimentichiamolo (almeno per questo) ha dei paesaggi e degli scenari mozzafiato!! Comunque ragazzi, spero col cuore che l'"Italian style" (come ho visto scritto in qualche commento) rimanga a casa nostra e non venga esportato in altre nazioni, perché a volte siamo veramente disarmanti nei nostri comportamenti e nel rapportarci verso il prossimo!! Speriamo beneeeeee In bocca al lupo a tutti gli amanti dell'Australia, della natura e del rispetto!! :)

techi88
4th January 2013, 01:33
Il mio voto è andato a "voglia di avventura", ma se fossi in procinto di pianificare più seriamente il futuro, sicuramente l'attuale situazione economica-lavorativa del vecchio continente (e in particolar modo del bel paese) l'avrebbe fatta da padrone.

max62
4th January 2013, 20:56
sicuramente migliorare la qualita della vita e probabilmente dare un futuro migliore ai nostri figli, anche voglia di avventura verso nuove sfide che nel mio caso significa rimettersi in gioco.

maxmannino
19th January 2013, 09:08
Dieci anni fa sono stato in Nuova Zelanda per tre mesi e la settimana scorsa sono tornato da un mese in Australia. Facendo un paragone con l'Italia mi accorgo che il modo di vita che conduciamo in Italia è rimasto fermo al passato. I bambini non sono ancora considerati come un nostro punto di forza ma quasi come un peso. In Australia mio figlio di 3 anni ha vissuto come in un grande parco giochi e tutto è a misura di bambino. Inoltre in Australia qualche spiraglio di futuro per i nostri figli c'è ancora.

Radoon
21st February 2013, 00:12
L'inciviltà.
non sopporto più di vedere gente che lancia pacchetti di sigarette dalle auto, carte per terra, gente che appena può ti soffia il posto in coda, macchine ingiustamente parcheggiate sui posti per portatori di handicap,studenti del politecnico di milano che fumano indisturbatamente dentro i corridoi e se ti lamenti ti prendono per i fondelli(vi giuro che mi manda in bestia sta cosa), gente che fuma nei treni e se ti lamenti col capotreno ti dice "evvabbè che devo farci"....

la politica.
inutile commentare credo

il cemento.
quand'ero piccolo vivevo in mezzo ai campi, ora in mezzo al cemento di palazzine fatte dal solito geometra raccomandato, con la solita impresa edile raccomandata dal comune. Lo stupro continuo e indisturbato del poco che rimane della pianura padana, l'attacco continuo al parco agricolo sud, la corruzione radicata nella gestione del territorio, l'avvelenamento della terra.

il calcio.
odio il calcio, i calciatori, i tifosi. non me ne frega niente di quel mondo ma ogni giorno mi devo sorbire notizie riguardanti il pallone...

samuele72
25th February 2013, 23:09
tutte le risposte che ho letto sono giuste e valide, ma io aggiungerei anche il volersene andare per una mancanza di dignità, che ti porta l'essere senza un lavoro e gravare sulle spalle dei tuoi genitori, che anche loro stentano a sopravvivere, ed è un qualcosa che ti logora, ed è per questo che sogni di partire.

Alessandra Stiro
3rd March 2013, 06:51
Io, dovendo scegliere, ho votato per la mancanza di lavoro ma in realtà il problema dell'Italia è molto più complesso.

E' facile dire "in Australia si vive meglio dell'Italia perchè c'è il lavoro, i soldi circolano, i trasporti sono efficienti, la burocrazia è snella, i politici non rubano, la sanità, ecc " ..
ma la verità è che l'unico vero male dell'Italia sono gli italiani. E' la mentalità che ci frega, la non educazione al rispetto per la cosa comune e la cattiveria e/o invidia verso il prossimo !

Ebbene si, cattiveria e invidia ! Fateci caso .. quando si scoprono milioni di euro investiti (e persi) in una struttura pubblica mai finita, quasi quasi non ce ne frega niente, a malapena ci indigniamo ..
ma se sentiamo che un politico qualunque ha sottratto 10 mila euro dal partito per fare un festino o un viaggio ..
apriti cielo !! ..
è giusto indignarsi per i festini, ma i milioni di euro e gli sprechi immensi di denaro pubblico non ci interessano?? questo è solo uno stupido esempio ma in generale gli italiani sono invidiosi della felicità altrui, appena notano qualcuno che si diverte o si gode la vita cercano in tutti i modi di buttarlo giù ..
se possono aiutarti in qualche modo non lo fanno .. se potessero elevarsi loro schiacciando te e altre 10 famiglie innocenti non esiterebbero a farlo ..

entrare in un ufficio pubblico e trovare operatori efficienti, gentili e con voglia di risolverti i problemi è praticamente impossibile ! Qualunque cosa ti serva troverai sempre un impiegato incompetente che preferirà dirti che non ti può aiutare piuttosto che alzare il culo e fare il massimo per te, e fare il lavoro per cui è pagato !! Oppure timbrerà il cartellino e anzichè lavorare, uscirà a prendersi tranquillamente il caffè e farsi la spesa.

Oppure vanno di moda i certificati fasulli di invalidità totale, certo è più facile farsi campare a vita dallo stato piuttosto che cercarsi un lavoro anche all'estero !
oppure svegliarsi una mattina e inventarsi un nuovo modo originale di truffare povere persone disoccupate o malate. Io per prima sono stata vittima di due truffe mentre cercavo lavoro e sono finita in un mare di guai per questo !

Ho letto qualcuno dire che gli italiani preferiscono avere l'iphone (e aggiungerei anche l'ipad) solo per farsi vedere e magari non hanno manco uno straccio di lavoro per pagarselo .. verissimo !! poi se gli dici di cercasi intanto un lavoretto come portapizze, ti guardano come se fossi un alieno .. a me fanno solo pena ..

Prendiamocela con noi stessi anzichè coi politici ..
Prendiamo le ultime elezioni ad esempio .. rispecchiano esattamente la situazione degli italiani .. una bella fetta è stufa dei vecchi sistemi e invoca il cambiamento, un'altra fetta vive nelle favole e crede che la sinistra sia la soluzione alla destra e poi ci sono i miei preferiti .. gli irriducibili che continueranno imperterriti a votare l'invotabile pure se si candidasse da dietro le sbarre .. e sono proprio questi ultimi a bloccare il paese e a non permettergli di risollevarsi .. è un'impresa assurda cambiera la mentalità .. è più facile forse aspettare il ricambio generazionale ..

E poi abbiamo l'inciviltà, l'inquinamento, il pizzo, la corruzione, l'isterismo della gente quando guida, ecc ecc ..
Non so quanto differisca la situazione da nord a sud ma resta il fatto che tutto ciò è una vergogna ! E la cosa peggiore è che ormai la gente è avvezza a queste cose e neanche ci fa più caso ormai e se ti azzardi a ribellarti, ti dicono di stare al tuo posto se non vuoi essere ammazzato perchè le cose tanto funzionano così !

comunque scusate se mi sono dilungata .. in realtà starei qui a discutere per ore sui problemi dell'Italia ma forse è meglio cominciare a pensare in positivo, e alle splendide avventure che mi aspettano .. :D

GoverSt
3rd March 2013, 21:57
Hai perfettamente ragione, Alessandra Stiro !..............
hai fatto un analisi ottimale !
Mario Marchisio :)

- - - Updated - - -

Auguri per il tuo viaggio in Australia !
E' un popolo democratico e disponibile; almeno nel lontano 1960 quando ci sono stato io !
Mario Marchisio.

dredg
23rd March 2013, 10:53
Quoto, anche io sono (ero) in una situazione molto simile...aggiungiamoci due bimbe piccole (3 anni e 1 anno) alle quali voglio poter dare il massimo delle opportunità...ed ecco il motivo delle mie scelte...

Il visto permanente è arrivato, il lavoro pure (nella mia professione, e basta che lavori solo io), oggi sono andato a vedere 3 case, speriamo di entrare presto in una, tra un mese rientro in Italia a riprendere moglie, bimbe e a 'spedire' il cane....e via...sto vedendo materializzarsi il sogno, frutto di due anni di sforzi e determinazione...



Perché lasciare l'Italia?
Semplice: ho sempre seguito le istruzioni del "sistema". Ho sempre fatto il bravo, hostudiato, ho cercato e trovato un buon lavoro e sudato un buono stipendio.
La mia compagna idem.
Arrivati a 40 anni ci siamo resi conto che il frutto di tutti questi sforzi ci consente di pagare il mutuo per un buco di casa e sopravvivere facendo i criceti nella ruota e stop. Questo con un reddito che molti qui in Italia firmerebbero per avere.

Prospettive di crescita ZERO.
Tempo libero per vivere invece di sopravvivere ZERO.
Sogni da poter inseguire con la prospettiva di realizzarli ZERO.

Con un minimo di analisi statistica del costo della vita, comparato ai livelli retributivi, ne esce che in Australia questo stesso tenore di vita lo posso ottenere solo con uno dei nostri due attuali lavori, e con la paga più bassa che sin'ora ho trovato nei vari annunci.
Questo significa che se anche uno solo tra me e la mia compagna, che siamo un progettista meccanico ed una architetta, riesce a trovare lavoro, siamo a cavallo. Se dovessimo trovarlo entrambi, con la fatica che qui ci consente di essere CRICETI NELLA RUOTA, in Australia c'è l'opportunità di trovare il bene più prezioso, la SERENITA'.

Per questo, senza rimpianti, mi appresto a lasciare questo posto.

natnat
2nd April 2013, 22:23
Io, dovendo scegliere, ho votato per la mancanza di lavoro ma in realtà il problema dell'Italia è molto più complesso.

E' facile dire "in Australia si vive meglio dell'Italia perchè c'è il lavoro, i soldi circolano, i trasporti sono efficienti, la burocrazia è snella, i politici non rubano, la sanità, ecc " ..
ma la verità è che l'unico vero male dell'Italia sono gli italiani. E' la mentalità che ci frega, la non educazione al rispetto per la cosa comune e la cattiveria e/o invidia verso il prossimo !

Ebbene si, cattiveria e invidia ! Fateci caso .. quando si scoprono milioni di euro investiti (e persi) in una struttura pubblica mai finita, quasi quasi non ce ne frega niente, a malapena ci indigniamo ..
ma se sentiamo che un politico qualunque ha sottratto 10 mila euro dal partito per fare un festino o un viaggio ..
apriti cielo !! ..
è giusto indignarsi per i festini, ma i milioni di euro e gli sprechi immensi di denaro pubblico non ci interessano?? questo è solo uno stupido esempio ma in generale gli italiani sono invidiosi della felicità altrui, appena notano qualcuno che si diverte o si gode la vita cercano in tutti i modi di buttarlo giù ..
se possono aiutarti in qualche modo non lo fanno .. se potessero elevarsi loro schiacciando te e altre 10 famiglie innocenti non esiterebbero a farlo ..

entrare in un ufficio pubblico e trovare operatori efficienti, gentili e con voglia di risolverti i problemi è praticamente impossibile ! Qualunque cosa ti serva troverai sempre un impiegato incompetente che preferirà dirti che non ti può aiutare piuttosto che alzare il culo e fare il massimo per te, e fare il lavoro per cui è pagato !! Oppure timbrerà il cartellino e anzichè lavorare, uscirà a prendersi tranquillamente il caffè e farsi la spesa.

Oppure vanno di moda i certificati fasulli di invalidità totale, certo è più facile farsi campare a vita dallo stato piuttosto che cercarsi un lavoro anche all'estero !
oppure svegliarsi una mattina e inventarsi un nuovo modo originale di truffare povere persone disoccupate o malate. Io per prima sono stata vittima di due truffe mentre cercavo lavoro e sono finita in un mare di guai per questo !

Ho letto qualcuno dire che gli italiani preferiscono avere l'iphone (e aggiungerei anche l'ipad) solo per farsi vedere e magari non hanno manco uno straccio di lavoro per pagarselo .. verissimo !! poi se gli dici di cercasi intanto un lavoretto come portapizze, ti guardano come se fossi un alieno .. a me fanno solo pena ..

Prendiamocela con noi stessi anzichè coi politici ..
Prendiamo le ultime elezioni ad esempio .. rispecchiano esattamente la situazione degli italiani .. una bella fetta è stufa dei vecchi sistemi e invoca il cambiamento, un'altra fetta vive nelle favole e crede che la sinistra sia la soluzione alla destra e poi ci sono i miei preferiti .. gli irriducibili che continueranno imperterriti a votare l'invotabile pure se si candidasse da dietro le sbarre .. e sono proprio questi ultimi a bloccare il paese e a non permettergli di risollevarsi .. è un'impresa assurda cambiera la mentalità .. è più facile forse aspettare il ricambio generazionale ..

E poi abbiamo l'inciviltà, l'inquinamento, il pizzo, la corruzione, l'isterismo della gente quando guida, ecc ecc ..
Non so quanto differisca la situazione da nord a sud ma resta il fatto che tutto ciò è una vergogna ! E la cosa peggiore è che ormai la gente è avvezza a queste cose e neanche ci fa più caso ormai e se ti azzardi a ribellarti, ti dicono di stare al tuo posto se non vuoi essere ammazzato perchè le cose tanto funzionano così !

comunque scusate se mi sono dilungata .. in realtà starei qui a discutere per ore sui problemi dell'Italia ma forse è meglio cominciare a pensare in positivo, e alle splendide avventure che mi aspettano .. :D
sei già partita??

- - - Updated - - -

io vorrei partire x realizzare il mio sognodi rragazzina . Vorrei partire x regalare un futuro alla mia pupa.E sopratuttox chiudere la bocca a chi dicenon ce la puoi fare

beppemilu
2nd June 2013, 21:43
nn vorrei dirlo ma la situazione in italia e critica , ora dicono che per sistemare l'italia ci vogliono 63 anni si avete capito bene , e noi nel frattempo che si fa , io nn lascerei mai in mio paese ma per avere un lavoro si perde la dignita di un essere vivente , allora io sono del parere che se uno vuole e a volonta ancora qualcosa la puoi fare ,

Andrea Fontana
3rd June 2013, 19:27
Non dovete ascoltare quello che dicono per TV! La TV e i mass media in genere servono per tenere orientato il pensiero del popolo nella direzione che i potenti del mondo vogliono. Per quanto riguarda la situazione italiana io dico che la ripresa non ci sarà, non può esserci; per TV continuano a posticipare la data della ripresa con il passare del tempo: sono un paio di anni che ci dicono che la ripresa ci sarà trà sei mesi... Ma quanto durano sti sei mesi!! ha ha :) :)

GiulioAustralian
20th June 2013, 17:16
In realtà, per me la risposta non è affatto unica, ma è piuttosto costituita dall'incrocio di più verità: anche se non ci fosse crisi, è il fatto che molti siano gretti, di mentalità totalmente antiquata o buonista, che mi spinge ad andar via. Non mi piace oltre a tutto questo la situazione politica, economica, la qualità della vita scadente e soprattutto voglio che i miei discendenti abbiamo il futuro migliore possibile e, mi sembra, che siano poche le nazioni in grado di offrire tutto ciò. Per questo l'Australia è la mia scelta.

impaziente78
20th June 2013, 18:14
mi sembra quasi ripetitivo e monotono spiegare il motivo,visto che in queste pagine più persone hanno detto i vari motivi.

io ho scelto l'Australia per i miei figli, perchè voglio vederli VIVERE e non SOPRAVVIVERE ,voglio vederli con un lavoro,costruirsi una famiglia e voglio vederli con i miei occhi,e non per telefono o per lettera perchè sono emigrati!!!!! voglio vivere nelle regole e con gente che le rispetta;voglio andare a lavorare e sentirmi realizzata,che mi apprezzino per l'impegno che dedico nello svolgerlo e non perchè lecco o sono simpatica al capo!!! voglio potermi sentire al sicuro in casa mia, e non essere terrorizzata che entrino i ladri in casa mentre allatto mia figlia;voglio sentirmi libera di scegliere di come e dove vivere senza sentirmi criticata!!! scusate lo sfogo e auguro a tutti una vita serena e piena di vita!!!

Ferrari70
20th June 2013, 19:40
mi sembra quasi ripetitivo e monotono spiegare il motivo,visto che in queste pagine più persone hanno detto i vari motivi.

io ho scelto l'Australia per i miei figli, perchè voglio vederli VIVERE e non SOPRAVVIVERE ,voglio vederli con un lavoro,costruirsi una famiglia e voglio vederli con i miei occhi,e non per telefono o per lettera perchè sono emigrati!!!!! voglio vivere nelle regole e con gente che le rispetta;voglio andare a lavorare e sentirmi realizzata,che mi apprezzino per l'impegno che dedico nello svolgerlo e non perchè lecco o sono simpatica al capo!!! voglio potermi sentire al sicuro in casa mia, e non essere terrorizzata che entrino i ladri in casa mentre allatto mia figlia;voglio sentirmi libera di scegliere di come e dove vivere senza sentirmi criticata!!! scusate lo sfogo e auguro a tutti una vita serena e piena di vita!!!
....cos'altro aggiungere?? ha detto tutto impaziente....... la priorità va al futuro dei nostri figli, rubatogli da queste ZECCHE infette che abbiamo come politici.......x quello che riguarda noi "grandi"....beh, c'è voglia di cominciare a VIVERE, siamo tutti stanchi di SOPRAVVIVERE!

Alpha1
21st June 2013, 12:17
Oltre alle più blasonate motivazioni già esplicitate dagli altri utenti, io ne ho una suppletiva: voglio, ogni santo week-end, disputare incontri di boxe a mani nude contro dei canguri.

Mauro Madau
25th June 2013, 15:38
Noi (io la mia compagna e la nostra amata miciona) abbiamo deciso di partire per l'Australia (a Febbraio 2014) perchè in Italia non c'è futuro.... è brutto da dire ma è così, con la crisi che c'è abbiamo avuto una retrocessione spaventosa, penso di almeno 30 anni... e per tornare al "benessere" di prima ci vorranno 10/15 anni e oggi ne ho 27 di anni e non voglio vivere qui di stenti nonostante mi spacco il cxxxo tutti i santissimi giorni e a fine mese non sò mai a cosa prima destinare i soldi.... è tutto troppo caro, almeno parlo per me che abito a Milano... il costo della vita è nettamente superiore allo stipendio medio!!
In Italia non esiste la meritocrazia, esiste che sei figlio di, amico di, sei un figo e quindi entri subito con 1800€ al mese e a tempo indeterminato, se non conosci nessuno (porto l'esempio della mia compagna) 750€ al mese per un full - time più 15/20 ore di straordinari tutti mesi completamente regalati (la sua azienda non prevede che vengano pagati e neanche che possano far cumulo per ore di permesso) per poi quando chiedi un aumento di 50€, quindi per arrivare a prenderne 800€ ti senti dire : "non abbiamo soldi, mi dispiace" e poi vedi appunto l'amico di che entra "di prepotenza" a condizioni mooolto vantaggiose.... questa è la nostra cara amata Italia!! Sfruttare il prossimo ci fa sentire più furbi... e noi siamo stanchi di questa idea di vita! Il nostro obiettivo è la felicità e vivere di stenti sentendoti sempre sotto pressione non aiuta.
Al momento stiamo raccogliendo più informazioni possibile e aspettiamo le tredicesime e quattordicesime e tfr per avere un gruzzoletto e finalmente svoltare!
Buona fortuna a tutti.

ANDREW76
2nd July 2013, 17:32
Diciamo che facciamo prima a dire cosa funziona qui in Italia... cioe' niente!!!! la lista è troppo lunga, stipendi, sanità, rispetto, istituzioni, burocrazia, meritocrazia, e sopratutto che i bambini qui nascono avendo un debito procapite di 35000 euro circa, mentre in Australia o altri paesi i bambini sono una risorsa non un peso. Visto che io ho due figlie piccole,credo che rimanere qui nella speranza che qualcosa cambi radicalmente sia una vera utopia... quindi faro' di tutto ma in Italia ho chiuso con tutto.

Kuriatko
7th July 2013, 22:59
Vogliamo andare a vivere in un paese in crescita, moderno, con spazi, natura e qualità della vita nettamente superiore all'Italia. L'Italia va bene per farsi un giro ai musei vaticani oppure alle terme di Ischia.
Purtroppo qualità del lavoro e progresso sono due parole che non si possono più associare al nostro paese.

ANDREW76
8th July 2013, 16:54
Sempre che ai Musei Vaticani qualcuno non provi a scipparti e sempre che il mare di Ischia non venga riempito delle schifezze che fabbriche e mafia gettano nei terreni, che poi finisce nei fiumi che poi finisce nel mare...... Ormai lavoro progresso ed educazione son parole che nel nostro vocabolario di vita quotidiana non possiamo utilizzare qui.... Australia tutta la vita!!!!

giutor
30th November 2013, 16:42
la delinquenza sta dappertutto, anche in Australia. La differenza qual'è? che li (in Australia) fanno di tutto per scoraggiarla mentre qui fanno di tutto.... per non far niente... Fabbriche che hanno inquinato ce ne sono state anche in Australia, se non ricordo male nel south outback, solo che li il ministro dell'amibiente si è immediatamente dimesso ed hanno immediatamente chiuso e dismesso la fabbrica, qui invece hanno pensato bene di arricchirsi un po tutti e poi hano fatto scoppiare il caso inquinamento...

ukummintu
2nd December 2013, 23:03
Partendo dal presupposto che in Italia si possono trovare tutti i problemi elencati nel sondaggio. Io ho deciso di lasciare l'Italia principalmente perchè il mio futuro sarebbe quello di restare a casa con i miei genitori almeno fino a 30 anni cosa che assolutamente non voglio. Questo è dovuto al fatto che pur avendo avuto un lavoro fino ad un mese fa quel lavoro anche se l'avessi tenuto non mi avrebbe permesso di potermi comprare una casa ed andare a vivere da solo. Quindi ho deciso di pensare in grande, e ovviamente provare questa "avventura" poichè in Italia c'è disoccupazione, il costo della vita è altissimo, la situazione politica è scandalosa e ovviamente i media sono corrotti, per non parlare delle varie università con tasse troppo alte, in cui vengono favoriti alcuni "individui". L'unica via d'uscita per me è andare via, e spero di potermi finalmente realizzare in Australia e creare un futuro per me ed una mia futura famiglia.

MioSignore
2nd January 2014, 11:00
Sono un ragzzo di 23 anni, ho un lavoro a meno di 5 km da casa, vivo con i miei, e quindi sono in una buona situazione economica...
Ma cosa succederà se un giorno deciderò di andare a vivere da solo?
Ecco, diciamo che la mia preoccupazione riguarda il futuro. Faccio l'elettricista, vedendo la situazione di molti altri non posso lamentarmi dello stipendo o delle condizioni di lavoro, ma in un sistema dove la meritocrazia non conta, dove viene premiato solo chi è amico o parente, mi ritrovo dopo 4 anni nella stessa azienda ad essere "arrivato". Guardando ai miei colleghi più anziani capisco che ho ottenuto più
in questi primi anni rispetto a quello che otterrò i prossimi 20 se non decido di cambiare. Ovviamente trovare un altro lavoro non è la soluzione giusta, in quanto vado sicuramente a stare peggio.
Tutto ciò che chiedo è di essere retribuito per quello che faccio e non per quello che sono (il figlio di, l'amico di).
Il problema sta nel sistema, che noi italiani abbiamo creato, e per questo non credo sia possibile risolvere la situazione, almeno nel breve termine.
Io comunque ho scelto corruzione, ma non solo rivolta ai media, bensì a tutto il sistema che abbiamo creato. Dove chi è onesto viene preso per stupido e chi è un delinquente viene rispettato, sia dalle altre persone che dallo stato.
A tutto questo aggiungo la voglia di avventura verso nuove sfide. Credo che per trovare il coraggio di fare un passo così grande sia necessario avere più motivazioni.

giutor
2nd January 2014, 17:58
devo essere sincero? Rispondi a queste domande:

- sei figlio unico?
- quanto guadagni al mese?
- la casa dove abiti è di proprietà?
- hai/avete altre case?

cliffy
2nd January 2014, 19:30
La prima opzione e' l'unica ad aver valenza positiva, se fossimo in una situazione di relativa serenita'. Ma purtroppo l'unica cosa che non regna in questo momento storico in Italia e' proprio la serenita', che soccombe per lasciare luogo ad una sola parola d'ordine: l'incertezza. Su tutto. Detto questo dunque mi verrebbe da dire che riassumo in un opzione "compressa" tutte le restanti, poiche' una non esclude l'altra. Tutte sono la risultante di una rozza mentalita' italiana difficile da sradicare...Finche' ci sara' scarsa sensibilita' verso il bene comune, la cultura e le regole da rispettare, questo paese sempre piu' negletto, spingera' ad oltranza chi puo', chi deve e chi vuole a fuggire via.

giutor
2nd January 2014, 23:47
devo essere sincero? Rispondi a queste domande:

- sei figlio unico?
- quanto guadagni al mese?
- la casa dove abiti è di proprietà?
- hai/avete altre case?


rileggevo il mio post :worri

ziobono.. Non penserà mica che sono del Fisco!!!:sweat

:emoticon-0140-rofl::emoticon-0140-rofl::emoticon-0140-rofl::emoticon-0140-rofl::emoticon-0140-rofl::emoticon-0140-rofl:

MioSignore
3rd January 2014, 11:17
-no
-ovviamente dipende dalle ore di straordinario ma fra i 1200 e i 1700
-i miei pagano il mutuo
-no

giutor
6th January 2014, 00:06
sempre per gioco, perchè le stuazioni possono cabiare anche solo per un piccolo particolare, io un pensierino ad andare ce lo farei... ;)

matcri
14th January 2014, 13:38
Ciao, ho 44 anni , 7 anni fa io e mia moglie abbiamo perso entrambi il posto di lavoro perché la fabbrica dove lavoravamo ha chiuso, abbiamo venduto la casa che avevamo acquistato due anni prima e investito tutto in una nostra attività, siamo stufi di dover lavorare solo ed esclusivamente per pagare tasse di ogni tipo, TI chiedono di fare sacrifici e coesione, e poi la casta non si tocca i suoi privilegi, la cosa grave e che non abbiamo più fiducia e speranza nel nostro Paese , quindi abbiamo deciso di andare via per dare la possibilità ai nostri figli di avere dei sogni in un Paese dove i sogni si possono ancora realizzare.

giutor
14th January 2014, 23:53
tanti in bocca al lupo per la realizzazione dei vostri sogni.

matcri
15th January 2014, 12:00
Grazi
tanti in bocca al lupo per la realizzazione dei vostri sogni.

Grazie e speriamo che crepi, abbiamo bisogno di molta fortuna perché a 44 anni è una delle ultime porte che mi si aprono.

ama.e.teo
25th January 2014, 19:02
Ciao a tutti! Io e marito stiamo iniziando l'iter per provare ad andare in Australia con un visto permanente. Qui abbiamo entrambi un buon lavoro, auto, casa (più della banca che nostra, visto il mutuo trentennale) e gatto. Il problema non sono i soldi o il lavoro ma la speranza: qui non vediamo futuro. Lavoriamo entrambi non meno di 9 ore al gg e nell'ultimo anno ho passato più di 3 ore e mezzo al giorno in auto per spostarmi, tornando a casa praticamente solo per dormire. Non sono i sacrifici che ci preoccupano ma la certezza che questi non sono accompagnati da un risultato né personale né nella società che ci circonda. E' sbagliato voler andare via solo per riavere speranza nel futuro? Per sperare di avere la possibilità di allargare la famiglia e permettere ai nostri figli di parlare inglese evitando i mesi di frustrazione che passerò io appena arrivata(sto studiando inglese ma non sono certo una cima :))?

impaziente78
25th January 2014, 19:48
non è sbagliato,la cosa sbagliata è come è andata avanti l'Italia sino adesso,cioè uno schifo,una catastrofe,e non sono gli australiani a sbagliare con i visti per entrare,ma siamo noi che non controlliamo chi entra,quindi non è sbagliato voler cambiar regime.....regole e persone:)

Maverinick
26th January 2014, 04:12
Giusto lottare per un futuro migliore :)

walterlive
26th January 2014, 21:17
Ho 35 anni e fino ad una decina di anni fa in Italia non si stava male,ho lasciato gli studi a 15 anni ed ho sempre lavorato grazie al cielo,ed anche grazie a me comunque.
Lavoro tutt'ora...ma le cose stanno cambiando,guadagno 1300,00 euro ma con una moglie ed una figlia piccola...e con la pressione fiscale che supera il 50% si inizia a fare veramente fatica...ho già 25 anni di contributi ma non ho la certezza di una pensione perché le casse sono vuote...questa è l'Italia di adesso e stiamo andando sempre in peggio...ecco perché si vuole dare una svolta definitiva!!!

aussie_napoli
26th January 2014, 22:30
In questo sondaggio sono curioso di sapere cosa vi spinge a lasciare il vostro paese.
è inutile scrivere di tutto quello che va male in Italia, ma la cosa che più mi fa paura e mi spinge ad andarmene è che purtroppo ogni giorno è sempre peggio. E' un peccato perche un paese come l'Italia ha risorse che se ben sfruttate potrebbero dare lavoro a tantissima gente, ma il nostro grande male si chiama burocrazia, corruzione, sperpero di soldi pubblici, giustizia inesistente, insomma si potrebbe non finire più. Alla fine ti rendi conto che vivere onestamente in questo paese non ti fa andare avanti, devi sopportare soprusi da quello che dovrebbe essere invece il tuo aiuto principale, cioè lo STATO !!!!!

Luca190
6th February 2014, 14:21
Io ho 23 anni..abito con i miei e fino a fine marzo avro' da lavorare...poi ho preso in considerazione l'ipotesi Australia!!lavoro con 15 persone piu' grandi e tutte si lamentano della vita dei soldi e che non riescono a fare nulla..io non voglio arrivare a 40 anni e non saper cosa fare della mia vita!!Al momento in Italia la crisi sul lavoro si fa sentire e provare nuove esperienze credo che ora come ora sarebbe l'ideale..

Paoletta983
21st March 2014, 19:46
La situazione lavorativa, io lavoro in un call center a 800 euro al mese, il mio ragazzo è dovuto andare a lavorare (in nero) in uk perchè qui non trovava nulla, a settembre ci sposiamo e qui non vediamo alcun futuro ne per noi ne per i nostri futuri figli...

bennylux
23rd March 2014, 02:31
Nella mia presentazione,ho inserito nel titolo "sognando l'Australia"la risposta alla tua domanda Valerio è riassunta in queste due parole.In Italia al di là delle motivazioni sopra citate (tutte sacrosantemente giuste)siamo arrivati ad un punto dove non si può più sognare , sembra impossibile,mà ci hanno tolto i sogni che sono la spinta per affrontare ogni cosa.Così sognare un lavoro,un futuro per i nostri figli,una bella casa,sicurezza,sanità,etc,etc in Italia ti sembra possibile??non è un sogno,è la rassegnazione che non sarà così, nella migliore dell'ipotesi chi ha una posizione agiata dovrà gestirsi al risparmio e potrà così andare avanti mà cosa stà sognando di gestirsi? manderà i suoi figli a studiare all'estero e poi andranno a vivere all'estero dove potranno finalmente iniziare a sognare di fare tutte quelle cose normali che un individuo nella sua vita dovrebbe avere,semplicemente il raggiungimento della serenità,una casa,una famiglia e perchè no la felicità.Non puoi essere felice sapendo che i tuoi figli troveranno un Paese marcio e distrutto da anni di corruzione non puo essere felice a fare il Nonno via skype.Secondo me i sogni aiutano a vivere e per questo dove è ragionevolmente possibile bisogna inseguirli,in Italia non solo non si sogna più mà a causa dei tanti problemi tanta gente non dorme più.Ciao a tutti.

SoniaF15
23rd March 2014, 11:17
......è triste ........anni ed anni di spese incontrollate, mancanza di investimenti e di futuro ed un debito enorme vs l'Europa per i prossimi 20 anni,dov'è il futuro?

luca82
11th April 2014, 03:34
Cosa mi spinge ad andar via?il fatto che sono stanco di lavorare per mantenere lo stato e non me!premetto che ho sempre lavorato e ancora ho un lavoro sicuro ma zero soddisfazione!fino a 10 anni fa di lavoro ce n'era ed erano i titolari a ringraziarti anzi erano loro a cercarti perché avevano bisogno ora tutto si è capovolto siamo noi a dover ringraziare e ci sguazzano su questo!andrà sempre peggio e per i giovani o magari x i nostri figli non ci sarà niente da fare è un paese morto e privo di opportunità di crescita! mio nonno diceva una volta c'era il re e la sua famiglia era una sola! adesso non sappiamo neanche a chi li stiamo regalando!voglio rimettermi in gioco in un paese che offra qualche opportunità in più ma soprattutto che sta attento a rispettare e a far rispettare le regole.qua le regole non esistono ognuno pensa per se oddio tutti pensiamo a noi stessi per primi ma senza fregare nessuno senza pestare i piedi a nessuno bisogna farlo solo facendosi spazio mostrando le nostre capacità!cosa che non accade!altro motivo sono stato fidanzato per dieci anni cinque di convivenza ho perfino comprato casa in affitto non mi piaceva!casetta singola in mezzo al nulla è mia la sto pagando con mia mamma però (ne ho per altri 17 anni.)con lei non si riusciva a programmare manco un giorno al mare e voglia di lavorare zero!però sai 10 anni fa ti sei innamorato e provi a farla andare avanti alti e bassi che siano!no?altro buon motivo per cambiare aria e non pensare a tutti sti problemi!ho 31 anni e una vita davanti!ciao a tutti

Globe Trotter
15th May 2014, 15:35
Diciamo che prima di menzionare i motivi per cui non mi trovo bene qui, vorrei dire subito che ho sempre avuto in testa l'idea di andarmene a prescindere dalla situazione economica italiana. Non vorrei annoiare nessuno inserendo le varie motivazioni economiche, giudiziarie o politiche che bene o male tutti conoscono e vedono ogni giorno al tg. La mia voglia di espatriare è rinforzata da un malessere che per me è più a livello sociale. A partire da situazioni che capitano ad ognuno di noi ogni giorno. L'assistente del professore che all'esame ti boccia dopo mezza domanda perchè gli stai antipatico; io ho un cane, raccolgo sempre la sua cacchina. Nel mio quartiere che è nel centro di Roma sono in pochi a farlo e ciò mi urta molto; la mia macchina a cui hanno sfondato lo specchietto per ben 3 volte e nessuno ha mai lasciato un biglietto di scuse con recapito telefonico; chi ti rompe il piede aprendo lo sportello mentre tu sei in moto e vuole avere ragione a tutti i costi insultandoti gratuitamente; la sensazione che ho certe volte nel momento in cui tutti al semaforo passano col rosso e io sono l'unico a rimanere fermo sentendomi quasi a disagio (non è assurdo? beh non sono il primo che dice questa cosa); il solito furbasco che ti supera in fila al supermercato/posta/banca; la mentalità conservativa e molto chiusa nei confronti dei "sogni", della multiculturalità; la commessa a cui hai appena comprato mezzo negozio che non ti saluta nemmeno e ti sbatte la busta in faccia; il menefreghista di turno che tira la cartaccia per terra; chi fuma nell'ascensore del tuo palazzo nonostante sia vietato da molti anni; chi quando entri in macchina ti dice "ma che ti metti la cintura di dietro? mica è obbligatorio!; chi si sente intelligente perchè è furbo; chi và in aeroporto con 30kg di valigia invece che il massimo consentito di 15kg e vuole avere ragione a tutti i costi perchè è italiano; chi applaude ad ogni atterraggio cantando l'inno d'italia; chi va all'estero e sta solo e sempre con italiani e non si integra mai; chi và all'estero e critica ogni cosa perchè in Italia è fatta meglio (allora che ci sei venuto a fare lì?); chi sà che ha sbagliato e si giustifica "tanto lo fanno tutti.." ; ogni volta che attraverso sulle strisce devo guardarmi intorno a 360° perchè non sai mai se riuscirai ad arrivare all'altro capo della strada sano e salvo, etc etc etc ...

Non mi andava di elencare la solita pappardella ma ho scritto ciò che mi è venuto in mente e che mi dà un fastidio boia ogni giorno. Sarà che amo l'onestà e che sono mezzo svedese. Sarà che voglio andarmene da quando sono uscito al di fuori dell'EU e ho visto un nuovo mondo misterioso. Sarà che noto e mi danno fastidio cose che io percepisco ed altri no. Fatto stà che cela metterò tutta per andarmene e non tornare mai più!

Cheers!

Adriano :)

wolfstreet
14th June 2014, 12:25
Insicurezza ed instabilitá

Malskling
26th June 2014, 17:11
Avrei risposto tutti i motivi. Innanzitutto la situazione lavorativa, non è possibile essere continuamente precario, continuamente sfruttato e se hai un lavoro devi pure ringraziare per quei mille euro schifosi al mese. Mille euro che poi non ti garantiscono un'esistenza dignitosa, calcolando che un affitto costa tanto, la spesa al supermercato sempre di più e permettersi una vacanza sembra un miraggio. No comment sulla situazione politica siamo tutti rassegnati ed è assurdo che le persone, causa mal informazione dei media, si ostinano a votare i soliti politici.

wolfstreet
2nd July 2014, 16:34
C'é da dire che emigrare in australia no é comunque facioe e ci vogliono un sacco di soldi. E se ce li hai stai bene ovunque

Alex TouringAussie Laure
3rd July 2014, 01:53
Beh oddio non esageriamo. 5mila euro per Emigrare bastano. Chiaro che poi sta a te lavorare per far si che le cose funzionino. E li entrano in gioco le opportunità che, ahime, in Italia sono decisamente più scarse.

wolfstreet
3rd July 2014, 08:18
5000 ? A 35 anni non bastamo nemmeno per il visto ed il viaggio

Petrus
3rd July 2014, 08:27
Wolfstreet, se vogliamo parlare per iperboli ok, ma se stai parlando seriamente beh, 5.000€ sono inutili tanto in Italia quanto in Australia ai fini di un cambio vita.
Per emigrare in maniera "tranquilla" senza troppi pensieri io a 40 anni ho investito circa dieci volte i soldi di cui sopra. Non sono pochi magari, ma con 50.000€ non ci combini comunque niente di niente, non ci stai certo "bene ovunque". Non diciamo baggianate please ;)

wolfstreet
3rd July 2014, 08:34
Infatti ho scritto che per emigrare ci vogliono un sacco di soldi e alex scrive che ci bastano 5000 euro. Secondo me la cifra e molto piu alta e se tu hai investito 50000 euro vuol dire che non hai grossi problemi economici quindi non dire bagianate tu

Petrus
3rd July 2014, 09:36
...se tu hai investito 50000 euro vuol dire che non hai grossi problemi economici...
Se per te arrivare a possedere, in tutto dopo aver venduto ogni cosa e dopo vent'anni di lavoro, 50.000€ significa non avere problemi economici beh, forse hai centrato uno dei motivi (tanto per rientrare nel topic) per cui me ne sono andato: essere benestanti, qui in Australia, ha un altro significato.

wolfstreet
3rd July 2014, 10:06
Non é comunque alla portata di tutti, ricordati che in Italia, se hai un lavoro oggi,la classe operaia guadagna in media 1500 euro al mese, e questo é un motivo che ti porta a voler migliorare le condizioni economiche e di vita per il nucleo familiare, emigrare potrebbe essere una soluzione, comunque difficile e costosa come ho scritto al inizio di qzesta discussione. Tu da quello che scrivi sei stato piuttosto coraggioso ed imprudente a giocarti tutto su una chance. Mi fa molto piacere che ti sia andata bene ! Ma va a tutti bene come a te ? Per una persona benestante é diverso e ragiona in un altra maniera ed esattamente cosí: ho una casa di propietá in Italia pagata ho un bel capitaole in banca e mi posso permettere di investire 50 k in questa impresa. Se va male ritorno e ho comunque i mezzi per ripartire.
Non si può emigrare come 60 anni fa con la valigia d cartone.

Petrus
3rd July 2014, 10:14
Non é comunque alla portata di tutti...
Ok, ma tu hai scritto che per emigrare in Australia ci vogliono tanti di quei soldi che se ce li hai non hai bisogno di emigrare perché stai bene dappertutto. Semplicemente non è così. Ci vogliono, per non trovarsi con le pezze al "fondoschiena", 30/50.000 euro. Non sono pochi ma non sono affatto la somma che ti fa star bene dappertutto.

wolfstreet
3rd July 2014, 10:25
Si petrus con 30 50 k non stai bene quasi da nessuna parte però solitamente chi investe quelle cifre é perché ne ha molti altri. Io ti ammiro per quello che hai fatto e ti prenderò come esempio perché probabilmente cercherò di fare lo stesso con la stessa quantitá di capitale . É giusto parlare anche di questo nel forum perché non tutti sanno o si rendono conto che non é un impresa facile passata l etá che ti permette di entrare con un visto di studio e lavoro

Alex TouringAussie Laure
3rd July 2014, 12:02
Infatti ho scritto che per emigrare ci vogliono un sacco di soldi e alex scrive che ci bastano 5000 euro. Secondo me la cifra e molto piu alta e se tu hai investito 50000 euro vuol dire che non hai grossi problemi economici quindi non dire bagianate tu
Beh alt, tu hai parlato di cifra necessaria ad emigrare, per quello io ho specificato che una volta la sta alla persona. Ma conti alla mano, biglietto aereo di sola andata lo trovi anche a 650 euro, ti serve il visto ( e li non so le cifre, mi baso sul permanent che noi abbiamo pagato 2100 euro) e siamo a nemmeno 3mila euro. Quindi diciamo che, per emigrare la cifra non è esagerata. Una volta la ovvio che bisogna darsi da fare, ma li dipende dagli obbiettivi e da quanto ci si sa accontentare. Chiaro che a 40 anni magari vorresti avere un po più di sucurezze, ma se hai fra I 20 e I 30 anni, la cifra non si discosta tanto

wolfstreet
3rd July 2014, 12:11
Si emigrare comprende molti piu costi non credo che come metti giù il piede dal aereo hai giá una casa una macchina la patente le certificazioni per lavorare, sopratutto se fai un lavoro tecnico,un lavoro, l assicurazione medica, la matricola dei figli a scuola etv etc etc etc 30 k é il minimo secondo me

Petrus
3rd July 2014, 14:20
...30 k é il minimo secondo me
Decisamente, a meno di non partire all'avventura. Comunque mi sa che stiamo andando un filo OT....

Alex TouringAussie Laure
4th July 2014, 13:42
Si emigrare comprende molti piu costi non credo che come metti giù il piede dal aereo hai giá una casa una macchina la patente le certificazioni per lavorare, sopratutto se fai un lavoro tecnico,un lavoro, l assicurazione medica, la matricola dei figli a scuola etv etc etc etc 30 k é il minimo secondo me
Vabeh a parte che io parlavo di singola persona. Inoltre parlo per esperienza diretta. Come ho scritto con nemmeno 3mila ho fatto biglietto e visto, con 700 euro ho preso monolocale a Manly per 14 giorni, la patente internazionale la fai anche in IT. Ovvio che il mio è un "partire all'avventura", ma la definizione di emigrare non è la stessa per tutti. Poi chiaro che emigrare con 30k sia decisamente più comodo perché ti permette di prendere fiato, io stesso cmqe lascio qui in IT due appartamenti in vendita che spero prima o poi vendero, ma dato che mi son rotto le pelotas dell'italia, ho deciso comunque di partire con quel (poco) che ho. Differenza di approccio è differenza di aspettative

Irene0011
6th August 2014, 15:46
Mi sono sempre data da fare, coinvolta anche in una esperienza di import export di mobili dall' Indonesia con produzione diretta... che mi ha costretto a lavorare gratis gli scorsi 10 anni... e i prossimi... lo stato continua a chiedere soldi per tanti altri motivi, la malavita aumenta, tutti dicono che sono in gamba ma le aziende più del minimo non ti possono dare, tanta voglia di lavorare per avere uno stipendio da sopravvivenza... in più studia per .....
Alla fine ho esperienze lavorative vendibili solo nel catering...
Non importa se devo riniziare da capo, basterebbe sentirsi sicuri in casa propria, poter passeggiare sulla spiaggia alle 3 senza avere paura di essere derubati (succede relativamente spesso adesso nella mia zona ), avere un lòavoro e diritto a un minimo di passatempo.
Adesso inizio a pensare che non sia proprio tutta colpa mia...
Mi piace viaggiare, conoscere, imparare, studiare... se va ,male in Australia... vorrei proprio chiudere capitolo Italia, nord Europa...

Francesco70
25th August 2014, 15:33
Non vedo futuro per i miei figli

hologhost
24th September 2014, 08:57
Per me è stata una mera considerazione sulla possibilità di costruirsi una carriera universitaria decente. Tra l'italia e il resto del mondo appetibile. In Australia sono molto all'avanguardia su alcune tematiche, astronomia antartica nel mio caso in particolare. La fortuna è stata quella di esser stato ammesso con una borsa. Sentendo un po' di persone che stanno già qui nell'ambiente universitario, le possibilità di carriera ci sono e soprattutto ci sono le possibilità di affacciarsi all'estero con un background molto competitivo. Certo sta all'individuo sfruttare la situazione, niente e regalato ma nemmeno ostacolato.

ryo_83
10th November 2014, 04:31
Stufo di dover lavorare in pessime condizioni malpagato ogni mese e mezzo. Stufo di dover cambiare ogni anno lavoro senza aver un minimo di sicurezza. Stanco di vivere nel degrado di Roma dove l'ignoranza e il menefreghismo delle persone è all'ordine del giorno.

Simo75
11th November 2014, 18:41
Sono stato rappresentante per 15 anni e a settembre 2013 ho chiuso la Partita Iva, sono stato socio fondatore di una srl e dopo 3 anni il socio mi ha fregato (colpa mia che mi sono fidato troppo)...insomma mi ritrovo a 39 anni ad elemosinare dei lavoretti e il futuro qui in Sfascia Italia non lo vedo roseo; ma la cosa che mi ha fatto decidere è cercare di far star meglio anche la mia ragazza...è laureata con 110 e lode ed ha un Ph.D...lavora anche con reperibilità notturna e durante tutte le festività e il tutto per la considerevole somma di 10 €/ora (ed è a Partita Iva anche lei chi ce l'ha sa cosa significa), insomma viene trattata come una dipendente ma è autonoma, si ritrova con i doveri del dipendente e le sfighe dell'autonomo. Vorremmo anche fare un figlio...ma qui cosa gli lasciamo?????????????????????????? :angry

Niky
4th December 2014, 01:22
Personalmente ritengo che l' unica cosa buona che c'è in italia è il cibo. Ma non è certo una motivazione buona per restare.
I motivi elencati nel sondaggio sono tutti validi ma c'è un altra ragione molto importante che mi spinge ad andare all estero. Ritengo che la mentalità italiana sia estremamente chiusa e conservatrice per non usare termini offensivi. L'australia sta mille anni avanti rispetto a noi!

iGanz
4th December 2014, 02:33
Ritengo che la mentalità italiana sia estremamente chiusa e conservatrice per non usare termini offensivi. L'australia sta mille anni avanti rispetto a noi!
Occhio che potresti trovare una brutta sorpresa ;)

paolozy
5th December 2014, 10:46
LA MENTALITA'!!! Il male peggiore degli Italiani! Tutti puntano il dito contro gli altri, parlando dei politici, forze dell'ordine, dipendenti pubblici, magistrati, mafiosi, evasori e quant'altro, come se fossero degli extraterrestri venuti da chissà dove a controllare l'Italia e che perciò sono la causa di tutti i problemi.
Al pari di questi nominati sopra ci sono anche quelli che di fronte alla scelta se fare o meno qualcosa di disonesto si rispondono col classico:"tanto se non lo faccio io lo fa qualcun altro", invece che dire che se non lo faccio io è uno in meno che lo fa!! Quelli che vanno al lavoro e si ingegnano a trovare ogni modo possibile per fare il meno possibile, fanno mesi di malattia per una scemata, quelli che prendono pensioni per delle invalidità assolutamente false, quelli che fanno manifestazioni e spaccano tutto per farla pagare allo stato (ai quali geni vorrei chiedere: da dove credete che prenderanno i soldi per sistemare tutto ciò che avete distrutto... maledetti idioti?!?)

Bè, indovinate un po'... tutti loro sono semplicemente ITALIANI, che prima di ricoprire certe posizioni o compiuto certe azioni, puntavano il dito verso altri, accusandoli di essere il male del paese e che appena hanno avuto l'opportunità, ne hanno approfittato fregandosene di tutto il resto e dimenticando presto com'erano.


L'Italiano guarda solo al proprio interesse e se qualcosa non va, si lamenta e basta, ovviamente standosene comodamente seduto sulla poltrona di casa, o al massimo al bar o durante la pausa caffè al lavoro! Non va a votare perché preferisce andare al mare o peggio ancora perché crede di fare dispetto a chi governa!! Quante volte ho sentito dire: "è uno schifo, nessuno fa mai niente" e il più delle volte chi pronuncia questa frase non ha mai fatto nulla ne per il prossimo e tantomeno per il PROPRIO paese. Ah scusate, hanno probabilmente fatto casino, quando la propria squadra ha perso la coppa del nonno a causa di un rigore "rubato" o qualche altra min...iata di estrema importanza, tipo la nazionale eliminata a chissà quale turno della coppa del mondo degli idioti strapagati che corrono dietro ad un pallone e che riempiono i programmi televisivi dal lunedì alla domenica, con i loro capricci o con i replay dei loro tuffi che hanno guadagnato un rigore... ed allora tutti a indignarsi!! Il motivo per cui ho lasciato l'Italia SONO GLI ITALIANI (ovviamente devo precisare che non penso che siano tutti così, ma di certo la stragrande maggioranza... altrimenti sai quanti rimproveri mi prendo perché "fai di tutta l'erba un fascio", "generalizzare non va bene" ed altre patetiche cagate che la gente ti dice quando gli tocchi il nervo!)
E non ditemi che anch'io sono Italiano e che sputo nel piatto in cui ho mangiato. Sono forse Italiano per l'anagrafe perché ahimè sono nato lì, ma appena ho avuto l'opportunità, me ne sono andato il più lontano possibile. "Casa" non è necessariamente dove si è nati, ma è laddove sta il cuore!
Detto ciò, RIPETO CHE SO BENISSIMO CHE NON TUTTI GLI ITALIANI SONO COME HO DESCRITTO, MA PURTROPPO SONO MOLTI...TROPPI!!! Mi scuso se ho offeso qualcuno, ma d'altro canto se qualcuno si è offeso è probabilmente perché ha fatto parte di una di queste categorie e contrariamente a come molti dicono: "la verità offende", io dico che se qualcuno rientra tra coloro sopraelencati, dovrebbe VERGOGNARSI e non offendersi.
Ed ora... date pure libero sfogo alle critiche aggrappate con le unghie ai vetri, o magari alle tipiche critiche da tifoseria ultrà (e cioè che pur sapendo che quel che ho scritto è vero, difendono la squadra del cuore a spada tratta anche se artefice delle porcherie più vergognose).
Ecco perché ho lasciato l'Italia
Ciao a tutti

Light7
5th December 2014, 11:38
Condivido appieno il tuo pensiero ed è esattamente il motivo per cui me ne andrò anch'io. Gli italiani hanno lasciato che si arrivasse alla situazione odierna, e di certo non faranno nulla per cambiarla. Mettiamoci anche che la stragrande maggioranza della popolazione è over 65, ed abbiamo concluso. Spero di costruirmi una vita migliore in AU

paolozy
5th December 2014, 11:47
Te lo auguro con tutto il cuore! Non conosco la tua situazione, ma so per esperienza che se vuoi DAVVERO qualcosa e lavori duro per ottenerla, il più delle volte ce la fai e se per qualche ragione non dovessi riuscirci, almeno saprai di aver fatto tutto ciò che potevi, senza rimanere seduto/a sul divano aspettando che qualcuno venisse a bussare alla tua porta offrendoti i tuoi sogni.
In bocca al lupo!!

Light7
5th December 2014, 11:50
Si, sto lavorando duro già da adesso per potermi permettere un futuro in un paese dove non sono mai stato, ma che sento più mio rispetto al paese in cui sono nato. La mia grande fortuna è avere il passaporto australiano e questo mi da una motivazione immensa, che sta contagiando anche tutta la mia famiglia.

ps: Crepi!

Giama
6th December 2014, 01:32
Perché devo rimanere in un paese dove le persone che lo gestiscono sono tutte mezze corrotte e pensano al proprio stipendio?

Perché devo restare qui quando ogni giorno centinaia/migliaia di persone vengono in Italia senza nessun permesso, documento o senza nessuna esperienza in qualche lavoro? (Non è essere razzisti, è essere realisti)

Perché devo rimanere in un paese dove lavoro 40 anni depositando migliaia di euro di contributi senza avere la sicurezza di avere una pensione?

Perché devo rimanere in un paese dove una religione ha più potere di qualsiasi altro organo/istituzione?

Perché devo stare in un paese dove ognuno pensa a se stesso e si lamenta di qualsiasi cosa quando però c'è la possibilità di cambiare le cose e il destino di questo stato nessuno si muove per farlo?

Perché devo stare in uno stato dove il mio stipendio netto è quasi la metà di quello lordo e con quella metà che mi rimane devo pagare altre tasse?



Sono giovane, ho circa 20anni ma ho già capito che i miei futuri figli e nipoti non hanno futuro in questo paese!

BarboneNet
12th January 2015, 16:56
ciao, apparte Studio e Salute li avrei votati tutti! purtroppo non è piu il belpaese!

Elena Fiorenza
25th January 2015, 15:12
Ciao!! Beh..direi la voglia di mettermi alla prova, di sfidare me stessa, i miei limiti e le mie paure...di allontanarmi (drasticamente) dal porto sicuro. Ovviamente il non avere avuto fino ad ora nella madre patria una seria e concreta opportunità di occupazione ha permesso di mollare tutto e buttarmi più facilmente!!

deluso
26th January 2015, 21:25
Salve,in sintesi:perchè sono stufo di vivere in un paese dove chi ci governa e fa le leggi,dovrebbe essere in primis sbattuto in galera,perchè stufo di passeggiare per le strade ricoperte di rifiuti che gli ignoranti incivili buttano a terra,e ancora perchè qui non esiste la meritocrazia, si va avanti a conoscenze, e in ultimo, ma non per importanza, perchè ho due figli ai quali dare per quanto possibile un futuro roseo e pieno di soddisfazioni,cosa impossibile, qua in Italia.

Chiara0804
29th August 2015, 00:43
Ciao a tutti, vi ho conosciuti quando ho iniziato seriamente a cercare il modo migliore per emigrare in Australia...
Leggiamo la domanda : cosa vi spinge ad andar via dalla Italia...mi é venuto da ridere.
In una parola DIGNITA'
Lavoro casa famiglia qualità della vita
istruzione meritocrazia.
Insomma vorrei avere la possibilità di avere una vita normale, un lavoro che ti permetta di avere una casa creare una famiglia mandare i miei figli a scuola...fare sacrifici costruttivi e potermi godere la pensione.

Fabio Icm
11th November 2016, 12:30
La situazione lavorativa in Italia con il suo enorme tasso di disoccupati e sfiduciati, per me e' tra gli elementi piu' forti a spingermi nel cercare un'altra dimensione altrove