Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia - Blogs - Australianboard community - Forum di italiani in Australia
View RSS Feed

Digital86

Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia

Rate this Entry
Una delle maggiori paure manifestate in questa community è: "Ce la farò? Troverò un lavoro per pagarmi le spese? Troverò l'opportunità che mi farà restare in Australia? Devo lasciare la mia vita in Italia per l'ignoto?". Ho deciso di provare a stilare alcune delle domande che ci si deve porre per capire se, al corrente stato dei fatti e in base alla mia esperienza (e quella dei miei amici), il vostro carattere/atteggiamento/personalità/figura professionale ha chance di passare una esperienza positiva in Australia e/o di trovare qualche importante opportunità per restare qua.

Di seguito le affermazioni. In blu quelle a cui si dovrebbe rispondere affermativamente, per la maggior parte, in modo da avere chance per una positiva esperienza di uno o 2 anni qua con il WHV; in rosso quelle riguardanti le chance di avere opportunità per restare qua più a lungo; in viola quelle che valgono per entrambi i casi. La distinzione non è sempre netta.. è una classificazione personale. Il "metodo" credo possa essere utilizzato un po' da tutte le persone, ma specialmente quelle che hanno la possibilità di entrare con il WHV e vedere "l'andazzo".. perchè è il metodo più comune per stare qua.

[COLOR=#0000ff]. Sono spaventato da questa esperienza, ma allo stesso tempo curioso e aperto a nuove situazioni, piacevoli o non[/COLOR].

[COLOR=#0000ff]. Mi posso adattare. Non mi interessa di dover fare lavori umili o che mi spaccheranno la schiena, l'importante è avere tempo per trovare opportunità più importanti, partendo dal basso.

[/COLOR][COLOR=#0000ff]. Stare con altri italiani mi piace e ci si diverte, ma sono aperto alla sfida di crearmi una compagnia con gente del posto o di altre nazioni.[/COLOR][COLOR=#0000ff]

[/COLOR][COLOR=#0000ff]. Sono in una situazione nella quale non mi preoccupa "fallire". Non è divertente se accadesse, ma so che potrei tranqullamente ritornare alla mia vecchia vita o agire secondo un piano B.[/COLOR][COLOR=#0000ff]

. Non ho vincoli sentimentali o situazioni familiari complicate che mi creerebbero problemi stando parecchi km di distanza da casa.

[/COLOR][COLOR=#800080]. So mantenere relazioni sociali e utilizzarle per avere contatti che mi porteranno opportunità più vantaggiose.[/COLOR][COLOR=#0000ff]
[/COLOR][COLOR=#800080][/COLOR][COLOR=#800080][/COLOR][COLOR=#800080]
. Ho una buona autostima, ma sono anche critico con me stesso. Conosco i miei limiti e quindi so che devo ancora imparare nuove cose. Non do nulla per scontato, va bene ricominciare da zero, anche nella mia professione.[/COLOR][COLOR=#0000ff]
[/COLOR][COLOR=#800080]
. Ho un carattere aperto. So trattare con le persone. Quando serve un sorriso o una battuta sono buoni metodi per comunicare che sono una persona brillante e che posso farcela.[/COLOR][COLOR=#0000ff]

[/COLOR][COLOR=#800080]. Non lascio che siano le opportunità a cercare me. Sono disposto ad andare faccia a faccia per cercare un lavoro, anche camminando per ore per tutta Sydney (non solo nel CBD).[/COLOR][COLOR=#0000ff]

[/COLOR][COLOR=#800080]. Sono energico. A volte ho brutti momenti e posso star male o sentirmi in ansia e stressato, ma mi so vendere e so dimostrare le mie doti lavorative. Non sono un rammollito, mi do da fare.[/COLOR][COLOR=#0000ff]

[/COLOR][COLOR=#800080]. Ho da parte un po' di soldi per iniziare questa avventura. Riconosco che più soldi iniziali si hanno da parte, meno mi sentirò in ansia le prime settimane quando vedrò solo uscite e niente entrate.[/COLOR][COLOR=#0000ff]
[/COLOR][COLOR=#0000ff]
[/COLOR][COLOR=#ff0000]. Riesco ad organizzarmi il tempo. So che un anno sembra tanto, ma non lo è se si deve cambiare vita partendo da zero. Organizzare i vari step non è difficile per me.[/COLOR][COLOR=#0000ff]

[/COLOR][COLOR=#ff0000]. Ho in testa molto chiari i miei obiettivi. Non sono scappato dall'Italia senza uno scopo ben preciso. In realtà so cosa voglio ottenere e so che dovrò eventualmente arrivare ai miei obiettivi tramite sotto obiettivi, ben pensati.[/COLOR][COLOR=#0000ff]

[/COLOR][COLOR=#ff0000]. Ho una buona conoscenza dell'Inglese. So capire il senso di una conversazione e so parlare in inglese facendomi capire senza troppi errori.[/COLOR][COLOR=#0000ff]

[/COLOR][COLOR=#ff0000]. Ho qualcosa che mi rende appetibile sul mercato australiano. Un titolo di studio universitario richiesto con buoni voti e specializzazioni e/o anni di esperienza in un settore molto richiesto in Australia.[COLOR=#0000ff] [/COLOR]Posso mostrare un portfolio di progetti per dimostrare le mie abilità pratiche/tecniche.[/COLOR][COLOR=#0000ff]

[/COLOR][COLOR=#ff0000][/COLOR][COLOR=#ff0000]. So mantenere un colloquio di lavoro professionale faccia a faccia e tramite telefono.[/COLOR][COLOR=#0000ff]

[/COLOR][COLOR=#ff0000]. So identificare e comunicare ai datori di lavoro cosa mi rende "speciale" rispetto agli altri. Ho qualcosa che gli australiani con un permanent visa non hanno. Sono un buon investimento per l'azienda o lo posso diventare.[/COLOR][COLOR=#0000ff]
[/COLOR][COLOR=#800080][/COLOR][COLOR=#0000ff]
[/COLOR]Sicuramente questa lista non è esaustiva ed è fatta su base personale, come detto in precedenza. Ad ogni modo può essere un buon punto di partenza per verificare se è meglio partire o non.

Non credete a quelli che dicono che in Australia si trova lavoro in un attimo (almeno non quello professionale) e non credete nemmeno a quelli che dicono che l'Australia fa schifo, che è fatta solo per lavorare come schiavi e che non ci sono più opportunità serie. La verità come sempre sta nel mezzo e il vostro carattere determinerà se vi troverete più spostati verso uno o l'altra situazione.

Un pizzico di fortuna è sempre necessario, ma se non avete le carte in regola (inglese, esperienza, carattere..) non troverete neanche fortuna. Purtroppo può anche essere che abbiate tutte le carte in regola, ma non capitiate nel posto giusto al momento giusto con le persone giuste. E' importante però sapere come reagirete a questo eventuale scenario: cadrete in depressione o reagirete con nuove possibili soluzioni? A voi la risposta

Submit "Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia" to Facebook Submit "Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia" to Twitter Submit "Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia" to MySpace Submit "Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia" to Google Submit "Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia" to Yahoo Submit "Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia" to Digg Submit "Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia" to del.icio.us Submit "Un (personale) metodo per misurare se partire o no per l'Australia" to StumbleUpon

Commenti

  1. L'avatar di Kuriatko
    Davvero carina come idea.... anche se le domande vengono poste in modo molto generico, possono sicuramente essere utili ad auto-valutare le proprie possibilità di riuscire nell'impresa
  2. L'avatar di Maverinick
    Davvero ben fatto Digital, molto interessante, penso che servira' a molti
  3. L'avatar di will
    VOI COSA FARESTE AL POSTO MIO?

    Domanda lecita da parte mia ... ho letto questo articolo e in questo periodo sto attraversando un momento di confusione.
    Premesso:
    sono un ragazzo di 27 anni, iscritto al collegio dei Geometri da 4 anni, senza grosse commissioni; lavoro in falegnameria con i miei fratelli di mattina, perché azienda famigliare e di pomeriggio lavoro come libero professionista.
    Sono partito ad agosto in Australia, dove ho trovato lavoro senza problemi e ci sono stato per 3 mesi. Sono rientrato a dicembre pur avendo molto a livello materiale in una città' fantastica, perché vivevo male il tutto, soprattutto la mancanza dalla mia ragazza in Italia.
    Tornato, sono stato mesi a mangiarmi le mani, ragionando di se e di ma, perché ero tornato a fare le stesse identiche cose che non mi soddisfacevano più prima di partire e per il quale rincorsi un sogno.
    Ora vorrei tornare a Sydney, ma senza stabilirmi li, io non voglio parlare di un fattore economico, ma di un fattore di crescita e di stimoli personali.
    - Qui potrei entrare in società' con i miei fratelli, ma prima di fare questo dovrei riuscire a trovare potenziali clienti (perché le idee escono e cerco ogni giorno di fare qualcosa, ma poi non vedo money concreti, ma solo da pagare spese);
    - Tornare in Australia come prima tappa dovrei fare le farm per rinnovo visto in scadenza 24 agosto e poi lavorare dove posso, continuare ad imparare l'inglese, maturare, crescere e poi valutare;
    - Spostarmi a Nord italia in aziende del mio settore, dedicandomi più alla parte tecnica - crescere professionalmente e poi dare un reale contributo all'azienda di famiglia.

    Il problema che pur impegnandomi non mi sento ancora all'altezza di questo grosso scalino, perché sono tornato dall'Australia per portare l'azienda in europa ... ma è una scala molto alta, serve tempo e pazienza. MA soprattutto competenze, quelle competenze per le quali vorrei partire ed apprendere, oltre che per cambiare vita e sfidare il nuovo. Qui mi cullo troppo.

    Grazie per le vostre risposte eventuali

Trackbacks

Total Trackbacks 0
Trackback URL:

#